Impianti dentali: quali è meglio scegliere?

Impianti dentali: quali è meglio scegliere?
Rhodense, 29 Agosto 2019 ore 06:00

Lo scopo primario dell'implantologia dentale, un ramo dell'odontoiatra di recente acquisizione, è quello di ripristinare i denti perduti in maniera efficace, mediante l'impiego di radici artificiali, evitando l'utilizzo di fastidiose ed antiestetiche protesi mobili (dentiere) o fissate ai denti vicini a quelli mancanti (ponti), a seguito di parziale demolizione di quest'ultimi.

Di fatto, oggigiorno, grazie all'introduzione degli impianti dentali è possibile realizzare delle protesi fisse, in grado di eguagliare nella funzionalità e nell'estetica i denti naturali. Del resto, la dentizione è da sempre riconosciuta come segno di bellezza, nonché di salute e di benessere, indispensabile per una corretta fonazione e masticazione. Sei alla ricerca di uno studio dentistico in grado di applicare impianti dentali a Milano?

L'importante è affidarsi ad un dentista esperto e votato all'implantologia metal-free, ovvero che evita l'impiego di metalli, che possono causale fastidiose irritazioni e pericolose allergie. Negli ultimi anni sta prendendo piede, grazie alle sue incredibili proprietà la zirconia, un materiale innovativo in ambito odontoiatrico, ma utilizzato nel campo medico già dalla fine degli anni '60 e dall'inizio degli anni '70. Si tratta di un prodotto estremamente tenace, anticorrosivo ed altamente biocompatibile.

I pregi dell'ossido di zirconio: tutto quello che è importante sapere

Prima dell'introduzione dei materiali ceramici, gli impianti dentali erano solo in titanio, un materiale ancora molto diffuso, ma che può generare non pochi problemi a livello del cavo orale. Fortunatamente, negli ultimi anni sempre più dentisti e pazienti stanno prendendo coscienza dei benefici apportati dalla zirconia in ambito odontoiatrico. Di fatto, si tratta di un materiale anallergico, in quanto biocompatibile e privo di metalli. Infatti, rispetta la mucosa ed i tessuti della bocca.

Inoltre, è estremamente resistente ai carichi masticatori ed all'attacco degli acidi, tutelando al meglio il restauro protesico attuato dall'usura. Non bisogna dimenticare, poi, che l'ossido di zirconio non è soggetto al fenomeno della corrosione e la placca batterica ha difficoltà ad aderirvi. Ne consegue, quindi, che consente di avere un'ottima igiene orale e di evitare spiacevoli fenomeni infiammatori.

Infine, bisogna ricordare che assicura risultati estetici di alto livello. Del resto, questo innovativo materiale, non è solo bianco, ma ha anche incredibili doti di traslucenza. Ciò lo rende simile ai denti naturali ed evita l'inconveniente della formazione di bordi scuri, dovuti al ritiro gengivale, come accade spesso in caso di impianti dentali in titanio.

Nuove tecnologie per risultati sempre più soddisfacenti

Per posizionare gli impianti in zirconia è possibile anche utilizzare la Chirurgia Guidata, una procedura estremamente tecnologica, che consente di pianificare virtualmente la posizione delle radici artificiali. Ciò è possibile grazie all'impiego di un software apposito in grado di rielaborare le immagini TAC dei pazienti.

Una volta effettuata questa operazione è possibile posizionare le viti, avvalendosi di una mascherina chirurgica, che consente all'impianto di essere inserito nella posizione ed alla profondità esatta stabilita in precedenza. Tale sistema di ultima generazione permette di non effettuare incisioni chirurgiche. Ciò è importante soprattutto per i soggetti affetti da patologie sistemiche, nonché per i pazienti anziani o che semplicemente hanno paura degli interventi chirurgici.