Menu
Cerca
La scelta

Gatti uccisi, una taglia per trovare il colpevole

A metterla L'Associazione  italiana difesa animali ed ambiente: 5.000 euro per chi permette di scoprire i responsabili del gesto di Arluno

Gatti uccisi, una taglia per trovare il colpevole
Cronaca Magenta e Abbiategrasso, 13 Marzo 2021 ore 16:55

Una taglia da 5mila euro per scoprire i colpevoli della morte di sette gatti, avvenuta la scorsa settimana ad Arluno

La taglia per scoprire chi ha ucciso i gatti

 Dopo il ritrovamento di sette gatti morti avvenuta la scorsa settimana ad Arluno ed un esposto alla Procura della Repubblica, arriva la taglia. L’Associazione  italiana difesa animali ed ambiente ha, infatti, messo una taglia di 5.000 euro nei confronti dei responsabili del gesto

I corpi dilaniati dei felini sono stati ritrovati in un bosco nei pressi della via don Bosco a Rogorotto dalla volontaria di Dimensione Animale Rho, Simona Rimoldi che ha denunciato l’accaduto ai carabinieri che stanno indagando sulla volontarietà dell’atto .

Trovati sette gatti morti

«Ho ricevuto una telefonata da parte di un conoscente che mi ha riferito del ritrovamento dei corpi di alcuni felini nei pressi dei campi agricoli – aveva  affermato Rimoldi – Solitamente, quando ricevo segnalazioni di questo tipo, sono solita verificare di persona per appurarne la veridicità e così mi sono recata sul luogo indicato per controllare. Quando sono arrivata, sono rimasta sconcertata: ho dapprima trovato i corpi di quattro gatti adulti e di due cuccioli; più tardi ne ho trovato un altro, senza più gli occhi».

Parte l’esposto in Procura

A quel punto la volontaria ha chiamato le Forze dell’Ordine e sul posto è arrivata una pattuglia dei Carabinieri di Arluno per svolgere le indagini del caso: «Fin da subito la morte dei felini mi è risultata sospetta – ha proseguito Rimoldi – Così lunedì mi sono recata in Comando per un esposto che verrà inviato in Procura».
A insospettire Simona e avvalorare l’ipotesi del gesto volontario, la modalità di ritrovamento dei corpi (tutti vicini tra loro), oltre al fatto che quello raccontato non risulta essere il primo caso in zona: «Qualche giorno fa, una signora ha rinvenuto altre due gatte morte in via Baracca – ha proseguito –  Ho deciso di raccontare quanto accaduto per scuotere le coscienze e sollecitare le persone a denunciare quando capitano episodi di questo tipo, siamo piano di leggi che tutelano gli animali, tutto deve partire da noi. Ne approfitto per ringraziare Patrizia Luraschi, mia amica e candidata come garante alla tutela degli animali per il Comune di Milano che mi ha dato una mano».

 

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli