Menu
Cerca
cesate

Furto con scasso ai danni di un’auto: sottratte Amuchina e mascherine protettive

Il fatto la dice lunga sul momento drammatico che sta vivendo l’Italia

Furto con scasso ai danni di un’auto: sottratte Amuchina e mascherine protettive
Cronaca Magenta e Abbiategrasso, 13 Marzo 2020 ore 09:56

(Foto d'archivio)

Furto con scasso ai danni di un’auto a Cesate: sottratte Amuchina e mascherine protettive.

Furto con scasso ai danni di un’auto: sottratte Amuchina e mascherine protettive

Lo scenario è il parcheggio di via Dei Martiri  all’angolo con via Trento a Cesate. Si tratta di un luogo di sosta per le auto non molto frequentato e collocato in una posizione un tantino defilata. Ideale per chi vuole tendere agguati. Qui si è consumato il solito furto con scasso ai danni di un’auto, ma questa volta non sono stati sottratti danaro o apparecchi tecnologici di valore, ma semplicemente Amuchina e mascherine protettive. Tutto materiale che in questo periodo va a ruba (per usare un gioco di parole) data la necessità di proteggersi dal pericoloso virus in circolazione.

Il racconto della vittima

A parlarne è Adele Basilico:

"Vengo spesso a trovare mia cognata che abita nella corte di fianco al parcheggio. Mio fratello mi ha rifornito di un cartone con 10 bottigliette di gel disinfettante. Una scatola di cartone con dentro 20 mascherine me l’ha fatta avere, con molta fatica, mia sorella. Prestiti che avrei dovuto distribuire ai parenti.  Mia cognata coabita con la mamma di 84 anni e mi ha chiesto del gel quasi irreperibile. Avevo tutto il materiale sul sedile posteriore della mia auto, quasi non si vedeva perché i sedili sono scuri"

Domenica scorsa verso le 18.30, dopo aver parcheggiato l'auto e fatto visita alle due signore Adele è tornata in macchina e li la sorpresa: il lunotto posteriore rotto, le confezioni di amuchina erano sparite con il loro supporto, mentre lo scatolone era stato aperto e all’interno non c’era più niente.

"Sul cruscotto di fronte al sedile passeggero avevo posato un foglietto piegato da dove spuntavano due banconote da 20 euro. Il fatto curioso e per certi versi anche comico è che i soldi non sono stati toccati".

Il fatto la dice lunga sul momento drammatico che sta vivendo l’Italia.

TORNA ALLA HOME