Magenta

Fornaroli, situazione precipitata lo scorso weekend: nuovi reparti Covid

A dirlo, con preoccupazione, la direttrice medica dell'ospedale di Magenta, Chiara Radice, che spiega la nuova organizzazione.

Fornaroli, situazione precipitata lo scorso weekend: nuovi reparti Covid
Magenta e Abbiategrasso, 08 Novembre 2020 ore 09:00

«La situazione è precipitata lo scorso weekend». A dirlo, con preoccupazione, la direttrice medica dell’ospedale di Magenta, Chiara Radice, numeri alla mano. Tutto il linea col trend lombardo, ma che ha costretto il Fornaroli ad accelerare i tempi, aprendo un ulteriore reparto Covid. «Abbiamo anticipato l’apertura di nuove aree dedicate, così da far fronte alle urgenze del pronto soccorso – spiega la dottoressa – Un vantaggio è che, rispetto a marzo, sappiamo cosa ci attende e abbiamo tanti strumenti in più per gestire l’emergenza».Un piano gestionale, in primis, e di riorganizzazione del monoblocco, che verrà di fatto ricalcato, con una chiara distinzione di spazi «puliti e sporchi», ossia di pazienti Covid da quelli ricoverati per altre patologie. «Ma mi riferisco anche ai sistemi di protezione individuale, come camici, mascherine, tute: abbiamo grandi scorte a servizio del personale. Non solo. Siamo anche stati dotati di attrezzature mediche come caschi, flussimetri e assistenziali come i tablet per agevolare le comunicazioni tra pazienti e familiari».

Fornaroli, situazione precitata lo scorso weekend

Certo la situazione non è rosea, perché i contagi viaggiano ad alta velocità e non risparmiano nessuno: «La grande attenzione all’interno dei presidi non ci rende immuni da contagi del personale anche esterni all’attività lavorativa». Insomma, negli ospedali si fanno i conti anche con quarantene ed isolamenti legati anche a contatti esterni, come dei figli a scuola, ad esempio. Un punto, questo, su cui radice esprime soddisfazione: «Eseguiamo 200 tamponi al giorno per il mondo scolastico a Magenta (100 ad Abbiategrasso), più una cinquantina disposti da Ats. Vedo una gestione che funziona, nonostante le inevitabili attese. Ma c’è comprensione dello sforzo in corso – prosegue – C’è un confronto diretto con il territorio, un lavoro di rete che vede Ats alla regia di un sistema che cerca di lavorare al meglio, partendo dai medici di base e coinvolgendo anche le Rsa, con cui c’è un dialogo continuo per la migliore gestione di eventuali casi».

Il supporto del nuovo ps

A Magenta si contano quattro reparti acuti Covid, due subacuti al Cantù di Abbiategrasso. Fondamentale il supporto del nuovo Pronto soccorso del Fornaroli, un Dea (Dipartimento d’emergenza e accettazione) aperto in fretta e furia in piena pandemia e oggi valvola di sfogo irrinunciabile, grazie a venti camere Obi (Osservazione breve intensiva) che ospitano pazienti in attesa di tampone o valutazione. «E’ fondamentale capire come accedere alla struttura – continua la direttrice medica – Chi ha sintomi deve passare dal medico di base, quindi, se necessario, chiamare il 112, perché è Areu (Azienda regionale emergenza urgenza) che dispone dei numeri dei ricoveri e smista i pazienti. Chi ha sintomi Covid non venga spontaneamente in Pronto soccorso». Una tutela per sé e per gli altri. L’obiettivo è garantire la funzionalità, almeno su casi più urgenti, dell’intero ospedale: «Al momento c’è una riduzione dei servizi ambulatoriali, soprattutto sul fronte dell’internistica, dovendo spostare i medici sui reparti Covid, ma l’attività è garantita. Chiuse le visite, invece ai parenti, se non in casi estremi – ricorda Radice – A livello oncologico si è cominciato con follow up telefonici sulle fragilità maggiori, evitando se possibile che queste persone a rischio vengano in ospedale».

I casi

Il focolaio milanese, insomma, si fa sentire anche nel Magentino; per ora, però, non è stata attivata la terapia intensiva Covid al Fornaroli. «Lo scorso fine settimane abbiamo visto più casi e più complessi, polmoniti che virano in insufficienze respiratorie. Rientriamo nel livello 4 di rischio. Siamo pronti, ma la seconda ondata è arrivata velocemente e tutta insieme», conclude la numero uno del presidio magentino, invitando a rispettare le regole di igiene e distanziamento. «Agli anziani consiglio di stare il più possibile nel proprio ambiente e di proteggersi in caso di contatti esterni». In corsia, insomma, si combatte di nuovo.
Torna alal home

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia