Abbiategrasso

Fiab: “Troppi incidenti in bici, colpa della viabilità inadeguata”

Il confronto con le altre città in cui la bicicletta è altrettanto utilizzata

Fiab: “Troppi incidenti in bici, colpa della viabilità inadeguata”
Magenta e Abbiategrasso, 14 Giugno 2020 ore 10:25

Fiab Abbiateinbici interviene sul numero di incidenti in bicicletta che si verificano ad Abbiategrasso

“Ad Abbiategrasso troppi incidenti in bici”

«Come si spiega il gran numero di incidenti che coinvolge i ciclisti nella nostra città?» a porsi questa domanda è l’associazione Fiab Abbiateinbici, che ha confrontato il numero degli incidenti che coinvolgono i ciclisti ad Abbiategrasso con quello di alcune altre grandi città. «Gli abbiatensi che usano la bicicletta per i loro spostamenti quotidiani sono moltissimi, il 15-20% della popolazione contro il 6% del resto dell’Italia – spiega l’associazione – Questa abitudine virtuosa, in assenza di provvedimenti per la mitigazione del traffico, fa ovviamente aumentare la probabilità di incidenti». Il confronto proposto da Abbiateinbici viene fatto con altre città dove l’uso della bicicletta è alto, comparabile a quello abbiatense: «A Trento la usano il 12%, a Ferrara il 33%, a Cernusco sul Naviglio il 25%. E’ evidente che il ciclista abbiatense rischia il doppio del ciclista delle altre città. Perchè? Ferrara, Trento e Cernusco sono Comuni che hanno molto investito sulla ciclabilità. Abbiategrasso (spiace dirlo) no. A titolo di esempio: Cernusco sul Naviglio, città molto simile ad Abbiategrasso per popolazione e urbanizzazione, ha 100 km di strade urbane, 50 km di piste ciclabili e la metà degli incidenti per ciclista all’anno rispetto a noi! La figura (vedi immagine ndr) dimostra chiaramente che interventi di moderazione del traffico e misure a favore della mobilità attiva riducono significativamente il numero di incidenti stradali di cui sono vittime i ciclisti».

 

TORNA ALLA HOME PER ALTRE NOTIZIE

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia