Feriscono la guardia e scappano con la refurtiva

Scoperti a rubare al supermercato, per assicurarsi la fuga hanno lanciato oggetti addosso all'addetto alla sicurezza.

Feriscono la guardia e scappano con la refurtiva
Legnano e Altomilanese, 19 Dicembre 2018 ore 21:54

Feriscono la guardia e scappano dopo aver fatto la spesa… senza pagare.

Feriscono la guardia al Lidl

Rapina al Lidl di via Sabotino a Legnano, dove due uomini che stavano cercando di rubare oggetti vari e generi alimentari nascondendoli sotto i vestiti hanno colpito l’addetto alla sicurezza che li aveva scoperti. E’ successo nella serata di lunedì 17 dicembre, poco prima dell’orario di chiusura del supermercato. I due, che avevano finto di fare la spesa come tutti gli altri clienti, erano stati notati dal personale mentre prelevavano merce dagli scaffali e la sistemavano sotto i propri vestiti. Giunti alle casse con un cestino contenente pochi oggetti, l’avevano disposta sul nastro per pagarla. La guardia ha chiesto loro di tirare fuori quello che avevano addosso e i due prima hanno finto di non capire a che cosa si riferisse e poi gli hanno lanciato addosso vari oggetti, tra cui una power bank asportata poco prima che gli ha provocato un taglio sanguinante alla fronte. Dopodiché lo hanno spintonato e sono scappati, perdendo nella fuga parte della refurtiva.

L’addetto alla sicurezza ne avrà per sette giorni

Sul posto sono intervenuti i carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile di Legnano, che hanno chiesto l’intervento del 118 per soccorrere il ferito. Dopo la medicazione, la prognosi per lui è stata di sette giorni. I militari intanto hanno acquisito i filmati delle telecamere del supermercato: attraverso la visione delle immagini, contano di riuscire a identificare gli autori del fatto. I due, probabilmente nordafricani, risulterebbero già clienti del supermercato e potrebbero aver già rubato in precedenza nello stesso punto vendita.

 

TORNA ALLA HOME PAGE E LEGGI TUTTE LE NOTIZIE

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità
ANCI Lombardia