"Fascista e razzista", un anziano contesta Salvini VIDEO

Solo un paio di voci critiche durante la visita del vicepremier alla fiera di San Fermo a Nerviano.

"Fascista e razzista", un anziano contesta Salvini VIDEO
Legnano e Altomilanese, 07 Agosto 2018 ore 11:18

Bagno di folla e di consensi per il ministro Matteo Salvini in visita alla Fiera di San Fermo di Nerviano lunedì 6 luglio.

Le contestazioni a Salvini

Tante le persone che hanno voluto farsi un selfie con il vicepremier, tanti quelli che gli hanno stretto la mano facendogli i complimenti e incitandolo ad andare "avanti così". Chi si aspettava qualche contestazione è rimasto deluso: in un coro di elogi si sono levate solo un paio di voci critiche. C'è stata la signora che, di fronte alle imponenti misure di sicurezza messe in campo dalle forze dell'ordine, ha commentato con un sarcastico: "Nemmeno fosse il Papa...". La coppia che al suo passaggio si è fatta da parte dicendo a mezza voce: "Noi la mano non te la stringiamo neanche...".

 

Ma soprattutto un anziano nervianese che, in piazza della Vittoria, a pochi passi dal gazebo della Lega meta ultima della visita di Salvini, si è fatto largo tra la folla e, tenendo il ministro per il braccio, gli ha detto: "Io ho la tessera del Pci dal 1962 e vorrei dirti che per me sei fascista e razzista". "E anche nazista, populista soprattutto" è stata la replica del vicepremier. Che poi ha commentato l'accaduto sul suo profilo facebook, postando una sua foto sorridente scattata al banco del pesce dove si era fermato per comprare i tradizionali "pesitt" (i pesciolini fritti): "Un saluto dalla Fiera di San Fermo a Nerviano (Milano), dove ho incontrato, abbracciato e ascoltato centinaia di persone! Ne ho trovato uno, uno solo, che mi ha detto 'razzista, fascista'. È stato compatito e spernacchiato da tutti ". L'anziano in realtà, allontanato dal sindaco Massimo Cozzi, se n'è andato insieme al nipote che lo accompagnava senza che nessuno lo sbeffeggiasse. La marcia di Salvini nel frattempo era già ripresa e il ministro pochi istanti dopo è approdato sotto il gazebo della Lega dove ha tenuto un breve discorso.