ANCORA truffe

Falso messaggio dell'Inps: fate attenzione!

Cliccando sul link si installerà un malware che permette di accedere al dispositivo e di impossessarsi di password, dati delle carte, Pin, credenziali e via dicendo..

Falso messaggio dell'Inps: fate attenzione!
Cronaca 08 Aprile 2020 ore 11:53

In tempi di quarantena da Coronavirus in cui il traffico di messaggi è raddoppiato e con esso anche la diffusione di fake news sull’epidemia, WhatsApp ha deciso di fare qualcosa. E infatti la notizia è che il servizio di messaggistica istantanea targato Facebook ha introdotto un limite di inoltro per i messaggi, dato che, gran parte di ciò che si lascia girare sono, purtroppo, stupidaggini. Tra queste, l’ultima bufala è un falso messaggio dell’Inps che vi invita ad aggiornare i vostri dati online…

“Lo scorso anno abbiamo presentato la funzione che consente di riconoscere i messaggi che sono stati inoltrati molte volte. Si tratta di un’etichetta dotata di una doppia freccia, che contraddistingue i messaggi di dubbia provenienza. A partire da oggi, questi messaggi potranno essere inoltrati a una sola chat alla volta. Quando abbiamo imposto dei limiti alla funzione d’inoltro per contenere la propagazione di contenuti virali, il numero dei messaggi inoltrati a livello globale è calato del 25%”.

Falso messaggio dell'Inps: fate attenzione!

La Polizia postale segnala un massiccio invio di messaggi (soprattutto via sms) che contengono una falsa comunicazione dell’Inps:

“A seguito della sua richiesta accredito domanda COVID-19. Aggiorna i tuoi dati nel inps-ixxxxx.online”.

Cliccando sul link viene scaricato un malware che, installato sul cellulare, permette di accedere al dispositivo e di impossessarsi di password, dati delle carte, codici Otp, Pin, credenziali, chiavi di accesso all’home banking o altri codici personali.

Potete verificare evitando di entrare direttamente sul link contenuto, ma copiandolo e digitandolo sulla barra di ricerca per verificare che risultati escono.

In caso di sospetti potete effettuare una segnalazione sul sito della Polizia postale cliccando qui sopra.

TORNA ALLA HOME