Evaso dal Fatebenefratelli, preso a Palermo

E' stato rintracciato a Palermo. Voleva fuggire in Tunisia.

Evaso dal Fatebenefratelli, preso a Palermo
Cronaca Legnano e Altomilanese, 28 Maggio 2018 ore 12:33

Ben Mohamed Ayari Borhane avrebbe dovuto  scontare ancora 14 anni per traffico di droga. Ma evidentemente non poteva aspettare sino al 2032 in carcere. E così ha simulato un suicidio ed è evaso dal Fatebenefratelli.

Evaso dal Fatebenefratelli

Il 43enne tunisino nella notte del 17 maggio ha simulato un suicidio così da farsi portare d’emergenza all’ospedale Fatebenefratelli, dal quale poi se l’è data a gambe. Dopo la fuga dall’ospedale, l’uomo sarebbe arrivato a  Palermo già il 20 maggio.

Preso a Palermo

Ieri sera, domenica 27 maggio,  è stato trovato con un passaporto falso mentre era alla biglietteria del porto. Dietro al  bancone  c’era un agente della penitenziaria con  altri uomini pronti ad arrestarlo. In seguito all’evasione, le indagini sono state coordinate dal capo del pool antiterrorismo di Milano, Alberto Nobili, e affidate al pm Ilaria Perinu, e hanno coinvolto la polizia penitenziaria con il supporto della Questura di Palermo. Borhane ora si trova nel carcere Santi Consoli.

Non era un evaso qualunque

Borhane non era un evaso qualunque. Fin dal 2014 era monitorato dalle forze dell’ordine per il suo fanatismo religioso, in un progressivo percorso di  radicalizzazione che l’aveva portato, nel carcere di Opera, ad autoproclamarsi imam, predicando la Jihad, la «guerra santa» in nome di Allah. Inoltre in cella aveva manifestato a più riprese comportamenti estremamente violenti contro i secondini.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI