Cronaca

Entra in fiera a Rho con un biglietto e un green pass falso

Nuovi guai per Francesco Paolo Belardi youtuber conosciuto con lo pseudonimo di Boom. L'uomo fermato dagli agenti del commissariato di Rho-Pero

Entra in fiera a Rho con un biglietto e un green pass falso
Cronaca Rhodense, 15 Novembre 2021 ore 11:47

Il comportamento dell'uomo ha attirato l'attenzione degli addetti alla sicurezza

Ha iniziato una diretta online urlando di essere riuscito a eludere i controlli

Entra in fiera, al Cartoomics, con un biglietto falso e un green pass falso e poi gira tra gli stand filmando tutto e urlando di essere riuscito a eludere i controlli. Nuovi guai per Francesco Paolo Belardi youtuber conosciuto con lo pseudonimo di Social Boom.

Il comportamento dell'uomo ha attirato l'attenzione degli addetti alla sicurezza

I fatti sono avvenuti nella giornata di ieri, domenica, nei padiglioni di Rho e  il comportamento dell'uomo, classe 1996 ha attirato l'attenzione degli addetti alla sicurezza della Fiera che hanno immediatamente avvisato il commissariato di Polizia di Rho - Pero.  Una volta entrato tra gli stand del Milano Games Week e di Cartoomics il 26enne ha subito iniziato una diretta on-line con le persone che seguono il suo canale youtube,  instagram e il portale "Twitch".

Fermato dagli agenti di Polizia in un padiglione

Una volta sul posto gli agenti del Commissariato rhodense individuavano lo Youtuber in un padiglione  con un cellulare in mano che trasmetteva in diretta per tutte le persone collegate sui suoi social. Fermato, il 26enne dichiarava di non essere in possesso di nessun documento d'identità e di essere la persona intestataria del green pass. Yotuber che non sapeva però rispondere quale essere la sua data di nascita, ovvero quella della persona intestataria del green pass.

Deferito all'autorità giudiziaria

Francesco Paolo Belardi veniva portato in commissariato e deferito all'autorità giudiziaria per sostituzione di persone e falsa dichiarazioni in quanto sprovvisto di green pass e successivamente, dopo la nomina di un avvocato d'ufficio, veniva rilasciato.  La Polizia valuterà ora la posizione del reale intestatario del biglietto per verificare eventuale favoreggiamento dello Youtuber