SUCCEDE A BOLLATE

Emergenza Covid, 3500 mascherine: il dono del Comune alle scuole

La distribuzione a cura del sindaco Francesco Vassallo e dell’assessore alle Politiche educative Ida De Flaviis

Emergenza Covid, 3500 mascherine: il dono del Comune alle scuole
Bollatese, 04 Novembre 2020 ore 12:13

Emergenza Covid, 3500 mascherine: il dono del Comune alle scuole.

Oltre 3500 pezzi

Mascherine donate per un totale di 3.517 pezzi. Di queste, 700 chirurgiche destinate al personale delle scuole dell’infanzia comunali e le rimanenti di comunità destinate agli altri istituti scolastici.

La distribuzione di sindaco e assessore

Le hanno distribuite, nella giornata di ieri, il sindaco Francesco Vassallo e l’assessore alle Politiche educative Ida De Flaviis, con l’obiettivo di aiutare le istituzioni scolastiche nella fornitura dei presidi fondamentali per contrastare la diffusione del Covid.

Le parole dell’Amministrazione

“Anche in questa seconda ondata, difficile per tutti,  la solidarietà resta un valore fondamentale e rappresenta la spina dorsale di una comunità che non si arrende e continua a lottare anche nell’emergenza – – spiegano il Sindaco Vassallo e l’Assessore De Flaviis – Il Comune, durante i mesi più critici di questa primavera, è stato aiutato da molti cittadini anche attraverso la raccolta fondi promossa per aiutare le famiglie in difficoltà, per cui riteniamo un nostro dovere ricambiare, come e quando possibile, la generosità ricevuta”.

Il dettaglio scuola per scuola

Ecco il dettaglio di mascherine consegnate a ogni scuola: 630 scuole primarie via Diaz e via Galimberti, 542 scuola primaria via Montessori, 415 scuole primarie via Coni Zugna e via Como, 400 scuola media di via fratellanza, 500 scuola media via Verdi, 330 scuole medie di via Brianza e via Coni Zugna. Non solo mascherine ma anche gel igienizzante, infine, nella fornitura offerta dal Comune.

TORNA ALLA HOME PAGE E LEGGI TUTTE LE NOTIZIE

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia