Due forti boati avvertiti in tutta la Lombardia

La Lombardia nel panico per due boati fortissimi: ecco la possibile spiegazione.

Due forti boati avvertiti in tutta la Lombardia
Saronno, 22 Marzo 2018 ore 11:51

Due forti boati hanno interrotto la tranquillità della tarda mattinata lombarda.

"Nessuna esplosione"

Le Forze dell'ordine tranquillizzano i cittadini sui boati sentiti questa mattina in tutta la Lombardia. E' stato infatti confermato che si è trattato di un boom sonico provocato da due aerei. Per gli allarmisti di tutto la zona quindi falso allarme, nessuna esplosione.

Due forti boati fanno tremare la Lombardia

E’ successo intorno alle 11.30 di questa mattina, giovedì 22 marzo. Due fortissimi boati hanno letteralmente fatto tremare la Lombardia. Non soltanto rumori assordanti ma anche un vero e proprio effetto scossa che ha fatto tremare i vetri delle case, come è successo ad esempio a Locate Varesino. I lombardi, presi alla sprovvista, si sono riversati sul web, sperando di capire cosa stesse accadendo. Alcune scuole, come a Saronno, sono state evacuate e molte persone sono scese in strada per confrontarsi sull'accaduto come a Tradate.

Ipotesi boom sonico

Chiamato anche bang supersonico questo fenomeno è il suono prodotto dal cono di Mach generato dalle onde d’urto create da un oggetto, ad esempio un aereo. Lo scenario più accreditato al momento (ma assolutamente privo di conferme) è che degli aerei potrebbero aver superato la barriera del suono scatenando i due boati sonici.

Il volo per Parigi

I sospetti ricadono sul volo AF617A della Air France. Il velivolo, diretto a Parigi, avrebbe compiuto una manovra non prevista durante il sorvolo della Valle d’Aosta facendo scattare l’allarme e lo scramble, ossia l’inseguimento, degli Eurofighters. Durante l’inseguimento i jet avrebbero accelerato fino a Mach 1 rompendo il muro del suono a bassa quota. A causare il mancato contatto con la torre di controllo probabilmente un problema tecnico. Il volo era partito dall’Isola di Reunion (dipartimento francese nell’Oceano Indiano) ed è atterrato alle 12.17 con un’ora di ritardo all’aeroporto parigino.

Allarme dirottamento

Ecco da Flight radar  la rotta dell’aereo, che tra la Vanoise e la Valle d’Aosta ha fatto uno strano anello. E’ stata proprio questa manovra, strana e non autorizzata, a far scattare l’allarme. Il velivolo, infatti, sembrava puntare il direzione Torino-Milano e immediatamente è scattata la procedura di sicurezza.