Due capotreno aggredite: arrestato bollatese

In manette per resistenza a pubblico ufficiale e lesioni.

Due capotreno aggredite: arrestato bollatese
Cronaca Rhodense, 23 Gennaio 2020 ore 10:52

(Foto d'archivio)

Due capotreno aggredite: arrestato 43enne di Bollate.

Due capotreno aggredite: arrestato bollatese

Christian Mangalaviti, 43 anni, residente a Bollate, già noto alle Forze dell'Ordine per lesioni, furto aggravato e maltrattamenti in famiglia, è l'uomo colpevole delle violenze contro due capotreno. La prima è avvenuta nei confronti di una 25enne venerdì sul regionale 25235, partito da Como San Giovanni alle 9.49 e diretto a Rho, all’altezza della stazione di Seregno, mentre l'atra si è consumata di ieri mattina contro un'altra capotreno 30enne a bordo di un treno appena arrivato alla stazione di Cadorna da Novara e destinato al deposito di Novate Milanese.

La prima aggressione

Lo scorso 17 gennaio, in mattinata, una capotreno in servizio sul convoglio partito da Como e diretto a Rho è stata brutalmente aggredita, con calci e pugni, da un passeggero. L’uomo era riuscito poi a darsi alla fuga una volta sceso alla stazione di Seregno.

LEGGI ANCHE: Passeggero senza biglietto pesta il capotreno

La seconda violenza

Ieri mattina, poco prima delle 10, sul convoglio fermo alla stazione di Cadorna da Novara e destinato al deposito di Novate Milanese, una capotreno di 30 anni ha controllato che le carrozze fossero vuote. In una delle toilette c'era un uomo che, dopo molta insistenza, è uscito dal bagno e dopo averla spintonata  e insultata, l’ha colpita al volto con una violenta testata. 

LEGGI ANCHE: Capotreno aggredita sul convoglio per Rho: arrestato il colpevole

La fuga e l'arresto

L’autore dell’aggressione ha tentato la fuga ma il macchinista del convoglio, dopo aver visto l'accaduto, è sceso dalla cabina e si è messo all’inseguimento del balordo chiedendo nel mentre l’intervento di una pattuglia Polfer di Milano Bovisa. Christian Mangalaviti è stato bloccandolo dopo non poca resistenza. Accompagnato presso gli Uffici della Polizia Ferroviaria, è stato arrestato per resistenza a pubblico ufficiale e lesioni.