Droga a Castellanza, la Lega chiede un presidio costante

Il consigliere ha verificato di persona l'esiustenza dello spaccio in una zona: "Ci hanno scambiato per acquirenti".

Droga a Castellanza, la Lega chiede un presidio costante
Cronaca Saronno, 23 Dicembre 2019 ore 11:29

Droga a Castellanza, nell'ultimo consiglio comunale il leghista Angelo Soragni a chiesto a tutta l'assemblea di mobilitarsi contro lo spaccio.

Droga a Castellanza, Soragni: "Scambiato per un compratore"

C'è droga a Castellanza? A seguito delle segnalazioni di diversi cittadini, nelle scorse settimane il consigliere della Lega Angelo Soragni ha deciso di verificare di persona. "Non convito, ho voluto accertare se quello che i cittadini asserivano era vero - ha spiegato nel corso dell'ultimo consiglio comunale -  Con la mia automobile ci siamo recati sul posto che corrisponde a Via della Pace in direzione rotonda Largo degli Alpini, a 300 metri sulla sinistra. Mi sono fermato in una rientranza della strada e esattamente dopo 5 secondi è apparso un individuo che si è avvicinato velocemente quasi correndo verso la mia automobile. Devo dire che ci siamo spaventati perchè non ci aspettavamo un comportamento simile e con un tempo di reazione così veloce. E' indubbio che il personaggio ci ha scambiati per compratori di droga".

LEGGI ANCHE: Serra tecnologica in casa, due etti di marjiuana sequestrata

"Non possiamo tollerarlo"

"Come cittadini non possiamo tollerare che la nostra citta diventi un luogo di spaccio con tutte le conseguenze che ne seguono - ha continuato il consigliere del Carroccio -  Per esempio aumento dei furti nelle abitazioni, scippi, rapine... Sono convinto che le Forze dell'ordine sono a conoscenza del problema, e che stanno sicuramente monitorando il territorio per affrontare la situazione. Sono certo però che se tutto il consiglio comunale chiederà un presidio costante del territorio, potremmo riuscire non dico ad eliminare il problema droga,ma almeno ridurlo drasticamente a Castellanza. Ho saputo che il costante controllo nei boschi di Rescaldina da parte delle forze dell'ordine ha parzialmente risolto lo spaccio in quei luoghi trasferendo però il problema nel territorio di Castellanza Dovremmo pertanto tutti insieme mobilitarci minoranza e opposizione per evitare che tale maleaffare si cronicizzi sul nostro territorio".

LEGGI ANCHE: Le opere di Leonardo sulle facciate di Palazzo Brambilla: a Castellanza uno spettacolo unico in Italia