Menu
Cerca

Don Emanuele Tempesta ordinato prete

Al Duomo di Milano la consacrazione davanti a centinaia di fedeli.

Don Emanuele Tempesta ordinato prete
Rhodense, 08 Giugno 2019 ore 14:32

Don Emanuele Tempesta ordinato prete

Don Emanuele Tempesta della parrocchia dei Santi Giacomo e Filippo di Cornaredo ha ricevuto questa mattina nel Duomo di Milano l'ordinazione sacerdotale dall’arcivescovo Mario Delpini, durante la toccante e affollata funzione religiosa.

Domani la prima Messa

Una mattina di fede e di festa per la consacrazione di quindi presbiteri.  Insieme a don Emanuele Tempesta, che domani alle 10 e 30 celebrerà nella "sua" chiesa parrocchiale la prima Santa Messa per poi vivere una giornata di festa con i suoi concittadini, hanno ricevuto l'ordinazione  Giulio Benzoni (Varese), Davide Caccianiga (Cuasso al Piano), Giovanni Calastri ( Seregno), Giacomo Cavasin (Muggiò), Paolo Matteo Ettori (Motta Visconti), Roberto Flotta (Cesano Boscone), Matteo Frigerio (Oggiono), Luca Invernizzi (Liscate), Paolo Invernizzi (Barzio), Luca Longoni (Giussano), Andrea Luraghi (Mozzate), Alberto Miggiano(Renate), Fabio Pirola (Olgiate Olona), Alessandro Viganò (Briosco). Con loro due candidati del Pontificio Istituto Missioni Estere (PIME) Alessandro Canali (Valmadrera) e Alessandro Maraschi (Milano) .

 

L'omelia di Delpini

Nella sua omelia Delpini ha voluto sottolineare l’importanza del gesto che stavano per compiere e la missione che ora li aspetta. "L’ordinazione presbiterale è una grazia che voi ricevete, ma non è solo per voi. Diventate collaboratori del Vescovo per il servizio alla Chiesa. Il tratto caratteristico che i candidati diocesani hanno scelto per presentarsi alla comunità cristiana, lieti nella speranza, può ben essere un messaggio condiviso dagli altri ordinandi di istituti di vita consacrata. Non è però solo un motto che dice di voi, ma la consapevolezza di un talento da mettere a frutto, di una grazia che dovete mettere a disposizione della comunità, della Chiesa intera, di uno stile per tutto quello che il ministero vi chiama a compiere".