Distrutto il Bambin Gesù del presepe di Misinto

Gli operatori ecologici hanno trovato i cocci della statua e hanno avvertito la parrocchia; rabbia e indignazione tra i fedeli.

Distrutto il Bambin Gesù del presepe di Misinto
Groane, 04 Gennaio 2020 ore 12:03

Distrutto il Bambin Gesù del presepe di piazza Statuto a Misinto: è successo nel pomeriggio di ieri, venerdì 3 gennaio, vicino alla chiesa parrocchiale di San Siro.

Distrutto il Bambin Gesù del presepe di Misinto

Nel pomeriggio di ieri, venerdì 3 gennaio, è stata trovata la statua di Gesù Bambino distrutta in mille pezzi all’interno della capanna del presepe realizzato, come tradizione, dai volontari della parrocchia di San Siro. Ad avvisare la parrocchia sono stati gli operatori ecologici che, loro malgrado, hanno trovato i cocci della statua sparsi per la piazza. Il parroco, don Andrea Tosca, ha a sua volta avvisato l’Amministrazione comunale affinché, attraverso le telecamere installate nei punti strategici del Comune, si possa individuare gli autori di un atto vandalico così indegno e irrispettoso. La notizia si è diffusa velocemente anche sui social, e in particolare sulla pagina Facebook “Sei di Misinto se”, dove i cittadini hanno espresso tutta la loro rabbia verso chi è stato in grado di distruggere il simbolo della Natività e della fede cristiana.

Presepi sotto assedio

Il Gesù Bambino fatto a pezzi nel presepe di Misinto non è però purtroppo l’unico caso di profanazione dei simboli sacri avvenuti nel nostro territorio durante le festività. Sempre ieri pomeriggio, venerdì 3 gennaio, sono infatti state trovate addirittura delle feci umane sulla statua di Gesù del presepe posizionato nella piazza di San Martino, frazione di Mozzate. Anche in questo caso la parrocchia, i volontari che hanno contribuito alla realizzazione del presepe e tutti i cittadini hanno reagito con indignazione, rabbia e incredulità.

LEGGI ANCHE: Feci sulla statua di Gesù Bambino: scandalo a Mozzate

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità
ANCI Lombardia