Cronaca

Discarica Solter, un altro No dalla Regione

Discarica Solter, un altro No da Regione Lombardia che oggi, martedì 14 novembre, ha votato all'unanimità una mozione per la tutela dei Plis.

Cronaca 14 Novembre 2017 ore 15:46

Discarica Solter, dalla Regione arriva un altro No dopo la presentazione di una nuova mozione.

Discarica Solter, il No di Regione

E' stata discussa oggi, martedì 14 novembre, la mozione presentata da Carlo Borghetti (Pd) e Fabrizio Cecchetti (Lega) per una maggior tutela delle aree ricomprese nei Plis, e quindi anche del Parco del Roccolo, rispetto al Piano regionale di gestione dei rifiuti. Il voto dei consiglieri è stato unanime e si aggiunge così un altro No alla decisione che invece era stata presa nei mesi scorsi da Città Metropolitana.

Il commento di Carolina Toia

«Il voto di oggi - dichiara il consigliere regionale del gruppo Maroni Presidente-Lombardia in testa, Carolina Toia - è l’ennesima conferma della volontà del Consiglio regionale di opporsi al progetto della Città Metropolitana di Milano per una discarica nel Parco locale di interesse sovracomunale (Plis) del Roccolo. Infatti, Regione Lombardia e la Commissione Ambiente e Protezione civile si sono fin da subito adoperate per attenzionare il progetto di riempimento con rifiuti non pericolosi di un’area già scavata nel territorio dei comuni di Casorezzo e di Busto Garolfo. Lo scorso anno il Consiglio regionale ha approvato, sempre all’unanimità, una proposta di risoluzione che chiedeva di attivare sia un piano di monitoraggio per il controllo della fauna e della flora nel contesto territoriale di riferimento. Inoltre era stato approvato un gruppo di lavoro che monitorasse la corretta gestione del piano di recupero ambientale dell’Ambito territoriale estrattivo (Ate). La mozione approvata oggi ribadisce la contrarietà del Consiglio al progetto". A ciò si aggiunge, conclude Toia, "la volontà di esercitare pressioni su Città Metropolitana di Milano affinché lo ritiri».

Articolo completo e maggiori informazioni sul numero in edicola da venerdì 17 novembre.