Menu
Cerca
polizia postale

DHL vittima di furti da parte dei dipendenti: presi dalla Polizia Postale

Cellulari, gioielli e altri oggetti di valore sottratti durante la lavorazione di pacchi nel loro centro di smistamento di Carpiano.

DHL vittima di furti da parte dei dipendenti: presi dalla Polizia Postale
Cronaca 14 Aprile 2021 ore 10:36

Lo scorso 25 febbraio la nota azienda di spedizioni DHL aveva denunciato, presso il Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni di Milano, numerosi furti di cellulari, gioielli e altri oggetti di valore sottratti durante la lavorazione di pacchi nel loro centro di smistamento di Carpiano.

DHL vittima di furti da parte dei dipendenti: presi dalla Polizia Postale

A seguito delle indagini, avvenute in stretta collaborazione con il servizio sicurezza della stessa DHL, gli investigatori del Compartimento di Milano riuscivano a identificare quattro persone appartenenti tutti alla stessa cooperativa subappaltante il servizio di smistamento pacchi. Tale risultato è stato raggiunto grazie a mirati servizi di osservazione e pedinamento terminati nella notte tra il 12 e il 13 aprile, quando la banda criminale è stata colta in flagranza di reato. In particolare, intorno alle due di notte, la Polizia
Postale milanese, appostata all’interno del magazzino di Carpiano e lungo il perimetro del parcheggio esterno, aveva notato due soggetti che, dopo aver impugnato un taglierino, si dirigevano verso un “pallet” contenente una  spedizione di cellulari. Dopo aver tagliato la copertura messa a protezione della spedizione, questi individui hanno prelevato quattro pacchi di dispositivi elettronici e li hanno nascosti in un borsone. Successivamente, dopo aver sostato per circa venti minuti all’interno degli spogliatoi riservati ai dipendenti, uscivano dall’edificio per depositare nelle loro autovetture private la refurtiva che avevano occultato all’interno dei giubbotti che indossavano. A quel punto è scattato l’intervento dei poliziotti della Postale, che hanno proceduto all’arresto in flagranza dei due criminali. L’attività è proseguita con le perquisizioni all’interno delle abitazioni dei soggetti, a seguito delle quali sono stati rinvenuti quattro nuovissimi iPhone top di gamma e due scatole contenenti cover per cellulari e caricabatterie.