Cronaca
i controlli della polizia

Custode in un palazzo in Piazza Duomo e... spacciatore: arrestato 33enne

I poliziotti lo hanno fermato e con l’ausilio dell’Unità Cinofila Antidroga dell’Ufficio Prevenzione Generale hanno proceduto alla perquisizione del gabbiotto

Custode in un palazzo in Piazza Duomo e... spacciatore: arrestato 33enne
Milano Pubblicazione:

Era custode in un palazzo in piazza Duomo a Milano ma anche spacciatore: la Polizia ha arrestato un 33enne con precedenti per spaccio.

Custode in un palazzo a Milano e spacciatore

La Polizia di Stato in piazza del Duomo a Milano ha arrestato per detenzione ai fini di spaccio, un cittadino italiano di 33 anni con precedenti per reati contro il patrimonio e in materia di stupefacenti.

Ieri pomeriggio, gli agenti della 6^ Sezione “Contrasto al Crimine Diffuso” della Squadra Mobile, nell’ambito di mirati servizi nel capoluogo milanese volti al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti hanno predisposto un mirato servizio di osservazione di uno stabile in Piazza del Duomo, in quanto un ragazzo italiano, era dedito nelle ore pomeridiane e serali allo spaccio di cocaina. Infatti, intorno le ore 17:20, i poliziotti del gruppo antispaccio hanno notato all’esterno dell’immobile il custode che si guardava ripetutamente attorno con fare sospetto, e, lo stesso, dopo essersi accorto probabilmente della presenza della Polizia, si è diretto a passo svelto verso il locale portineria posizionato al piano terra.

I poliziotti lo hanno fermato e con l’ausilio dell’Unità Cinofila Antidroga dell’Ufficio Prevenzione Generale hanno proceduto alla perquisizione del gabbiotto trovando all’interno di una scatola di lampadine un involucro in cellophane trasparente contenente 19 grammi di cocaina e diverse bustine trasparenti per il confezionamento della sostanza stupefacente. Nel borsello dell’uomo è stata rinvenuta e sequestrata la somma di 100 euro, mentre nella tasca dei pantaloni, è stato trovato un sacchetto di carta con all’interno la somma di 500 euro. L’arrestato è stato giudicato per direttissima.

Seguici sui nostri canali