Crisi SuperDì: scaffali vuoti a Lomazzo, dipendenti preoccupati

Da mesi non arriva più merce e i lavoratori non hanno certezze sul loro futuro; si è mossa anche la Regione.

Crisi SuperDì: scaffali vuoti a Lomazzo, dipendenti preoccupati
Saronno, 12 Agosto 2018 ore 13:00

Crisi SuperDì: la critica situazione economica della catena «SuperDì» e «IperDì», con gli scaffali dei supermercati ormai vuoti da mesi e i dipendenti sempre più preoccupati per il loro futuro, sta interessando anche le istituzioni regionali.

Crisi SuperDì: si mobilita la Regione

Il presidente della commissione Attività produttive di Regione Lombardia, Gianmarco Senna, sabato ha incontrato i lavoratori dell’Iperdì di Cogliate e di Cesano Maderno. Un incontro informale, in attesa di quello ufficiale che il Pirellone metterà in agenda per metà settembre, su richiesta dei sindacati che stanno seguendo la crisi aziendale di Iperdì e Superdì. A esprimere le proprie paure verso un futuro occupazionale sempre più incerto c’erano anche vari dipendenti di altri punti vendita, come Lomazzo, Cislago e Cairate dove, come già pubblicato sugli scorsi numeri de La Settimana, i supermercati si sono svuotati di merci e clienti giorno dopo giorno. “Prendiamo il nostro stipendio ancora regolarmente, ma nelle ore di lavoro ci giriamo i pollici perché il supermercato è vuoto. Fino a quando andrà avanti questa situazione? Nessuno è in grado di dirci cosa sarà del nostro futuro”, si è sfogata una dipendente del punto vendita di Lomazzo. Ampio servizio su La Settimana in edicola da venerdì 10 agosto.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia