Menu
Cerca
Cerro Maggiore

Coronavirus, Rsa L'Oasi: 4 positivi tra il personale e 7 pazienti con sintomi

Il sindaco di Cerro Maggiore Nuccia Berra aggiorna su contagi e decessi in paese. E presenta la situazione nella casa di riposo di Cantalupo. Nessuna informazione dal Cottolengo

Coronavirus, Rsa L'Oasi: 4 positivi tra il personale e 7 pazienti con sintomi
Cronaca Legnano e Altomilanese, 18 Aprile 2020 ore 10:46

Coronavirus, il sindaco di Cerro Maggiore Nuccia Berra fa il punto sulla situazione dei contagi in paese e aggiorna sulla situazione nella Rs L'Oasi di Cantalupo. Nessun dato arrivato dalla casa di riposo Il Cottolengo.

Coronavirus, la situazione della rsa L'Oasi

A darne notizia è stato il sindaco di Cerro Maggiore Nuccia Berra in un messaggio ai concittadini ieri sera: "Siamo in costante contatto il con il direttore della casa di riposo Oasi di Cantalupo, ci sentiamo quotidianamente: nella Rsa ci sono 4 persone del personale che sono casi positivi, due sono del nostro paese e due di altri, e 7 pazienti che hanno manifestato sintomatologia di febbre e tosse ma a oggi non sono ancora stati fatti i tamponi.
Mi sono sentita con la referente di Ats Milano e mi ha assicurato che lunedì, e questo mi è stato confermato dal direttore de L'Oasi, avranno a disposizione per i pazienti (non per il personale) dai 5 ai 7 tamponi da effettuare e portare poi in laboratorio a Legnano proprio per fare un controllo sui nostri cari ricoverati".
In paese, nel capoluogo, vi è un'altra casa di riposo: "Per quanto riguarda invece l'altra casa di riposo, il Cottolengo, non ho a oggi nessuna notizia da parte della struttura sulla situazione dei pazienti ricoverati piuttosto che delle suore che vi abitano" ha dichiarato Berra.

I casi in paese

"Nel file di Ats che ci è arrivato ci sono i casi clinici che vengono inseriti dai medici di famiglia, casi non ancora accertati con tamponi: sono una trentina - ha spiegato il sindaco - Poi vi sono i casi accertati di Covid-19, verificati con tampone, e a oggi sono 24. C'è poi una serie di persone che vengono classificate come contatti stretti ossia che hanno avuto a che fare (perchè familiari o comunque entrati in contatto) che si aggirano circa sulla trentina. Ovviamente questi contatti sono molto fluttuanti perchè, via via che vengono inseriti, ce ne sono altrettanti che vengono eliminati da questi elenchi proprio perchè hanno terminato la quarantena.
Una cosa che mi fa molto piacere è che tra le persone che sono state ricoverate abbiamo avuto ben 21 persone dimesse dagli ospedali, perchè anche nei casi di Covid-19 accertati ci sono persone che sono a domicilio in attesa di guarigione e casi più gravi ricoverati nelle strutture. Per quanto riguarda i decessi, a oggi, anche perchè vengono comunicati quelli in cui è accertata la causa Covid-19, sono 4".

L'invito ai cittadini

"L'unica possibilità che abbiamo per veder luce in fondo al tunnel è stare a casa - ha ribadito il sindaco a cerresi e cantalupesi - In questi ultimi giorni è incrementato un po' di più il numero di persone che vediamo girare: dico di tenere sempre presente, lo so che è difficile e soprattutto perchè si va verso la bella stagione, di rimanere a casa perchè è l'unico modo per contrastare il virus".

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ZONA

TORNA ALL'HOMEPAGE PER LE ALTRE NOTIZIE