Coronavirus, il sindaco di Castano al ristorante cinese contro la paura

Dopo le notizie sul Coronavirus, il sindaco di Castano ha deciso di andare a pranzo in un ristorante cinese della città per combattere la paura e l'odio.

Coronavirus, il sindaco di Castano al ristorante cinese contro la paura
Legnano e Altomilanese, 04 Febbraio 2020 ore 14:53

Coronavirus: il sindaco di Castano Primo, Giuseppe Pignatiello, è andato a pranzo in un ristorante cinese della città contro i pregiudizi e la paura.

In un ristorante cinese contro l'allarmismo e l'odio

Anche il primo cittadino di Castano Primo, Giuseppe Pignatiello, ha deciso di andare a pranzo in un ristorante cinese contro la psicosi verso il Coronavirus. "In questi giorni un virus terribile si sta diffondendo in tutto il mondo, una vera pandemia - ha spiegato lo stesso sindaco - E’ il virus del razzismo, dell’ignoranza e dell’allarmismo. I fatti di cronaca delle ultime ore sono agghiaccianti e spaventosamente simili alla paura e all’odio diffuso durante i regimi totalitari. Prevenzione, tutela della salute e precauzione sono azioni e diritti sacrosanti: vanno non solo difesi, ma promossi e offerti nel migliore dei modi a tutti i cittadini".

"Informiamoci bene prima di scivolare nella paura"

Poi ha continuato Pignatiello: "Detto ciò, riprendendo anche le dichiarazioni dell’Assessore alla Sanità di Regione Lombardia e del Ministero della Salute, ad oggi non esiste alcuna situazione critica, nessuna necessità di quarantena e nessun allarme pandemia in Italia. Quindi… informiamoci bene prima di scivolare nella paura. Ricerchiamo fonti autorevoli, scientifiche, prima di fidarci di un post su Facebook. L’attenzione è normale che resti alta, ma non bisogna creare allarmismo inutile e terrorismo mediatico. Il virus del Razzismo, dell’Ignoranza ha già colpito in Italia e continua a colpire, dai ragazzi cinesi presi a sassate a Frosinone ad un giovane asiatico insultato e invitato a scendere dal bus a Torino.  Questa violenza e paura sono inaccettabili. Cominciamo con il debellare tutto questo".

LEGGI ANCHE: Coronavirus, la psicosi si batte con una cena a Chinatown