Controllo del vicinato, un incontro per presentare il progetto

Sabato 3 luglio tutti in piazzetta della Pace a Vedano Olona.

Controllo del vicinato, un incontro per presentare il progetto
Saronno, 28 Giugno 2018 ore 12:52

Continua la campagna di sensibilizzazione sul tema della prevenzione sul territorio comunale nel quale lo sviluppo del progetto Controllo del Vicinato riveste un ruolo chiave.

Incontro per presentare il progetto "Controllo del vicinato"

Sabato 30 giugno, dalle 10.30, Vincenzo Orlandino, Assessore alla Sicurezza del Comune di Vedano Olona, insieme ai coordinatori dei Gruppi di Lavoro del progetto Controllo del Vicinato saranno presenti con un gazebo in piazzetta della Pace per fornire utili informazioni ai cittadini sul progetto sul Controllo del vicinato e per fornire a tutti i coordinatori e ai loro vicini delle vie che hanno aderito al progetto un vademecum sugli utili consigli e le buone pratiche da tenere per il periodo estivo. L'incontro sarà dedicato a tutti gli aderenti al progetto ma anche ai tanti vedanesi che vogliano acquisire informazioni utili su buone pratiche di prevenzione della sicurezza e su come attivare anche nelle vie ad oggi sprovviste del progetto il Controllo del Vicinato.

I Gruppi di Lavoro

I Gruppi di Lavoro, promotori dell'iniziativa, stanno conducendo ormai da diversi mesi un ottimo lavoro di sviluppo concreto sul territorio del progetto. Sono stati costituiti su tre differenti tematiche: sviluppo nuove vie e consolidamento, formazione e crescita del progetto, social media e comunicazione. I componenti dei gruppi sono coordinatori del Cdv in diverse vie del territorio che stanno svolgendo un ottimo lavoro primariamente nelle loro vie e che hanno deciso di mettersi a disposizione per supportare chiunque sia interessato ad attivare il progetto. E' grazie soprattutto al loro impegno, alla loro dedizione ed alla loro passione che i risultati sul nostro territorio comunale hanno raggiunto davvero livelli invidiabili anche ai tanti Comuni della zona. Oltre 40 vie coinvolte e più di 600 famiglie parte attive.