Controllo del Vicinato, a Parabiago è pure tra i commercianti

Controllo del Vicinato, a Parabiago l'Amministrazione e il presidente del gruppo pensano di estendere il servizio anche tra i commercianti.

Controllo del Vicinato, a Parabiago è pure tra i commercianti
Legnano e Altomilanese, 19 Aprile 2018 ore 13:09

Controllo del Vicinato, a Parabiago ora questo servizio coinvolge anche i negozianti della città.

Controllo del Vicinato, le novità per i commercianti

L’Amministrazione comunale, in sinergia con il Presidente CdV Parabiago, ha pensato di potenziare il controllo anche attraverso i commercianti. Il progetto, infatti, è stato presentato nei giorni scorsi in seduta plenaria ai commercianti aderenti al Duc. Negozianti che si sono già detti interessati ad aderire. Presto lo stesso invito verrà rivolto a tutti i commercianti della città.

La parola a Valsecchi, presidente del CdV Parabiago

La risposta dei commercianti iscritti al Duc è stata buona. Alcuni moduli per l’adesione al CdV Commerciale sono già stati consegnati, ma a breve verranno inviati anche ai commercianti non iscritti al Duc. Appena raggiungeremo il 50% delle adesioni potremo attivare il CdV commerciale attraverso una chat dedicata che servirà a monitorare i furti, gli scippi, le banconote false, oltre a ottenere un maggior controllo sul decoro urbano e sui venditori ambulanti".

I ringraziamenti de sindaco Cucchi

Ricorda, invece, il primo cittadino Raffaele Cucchi: "A nome dell’Amministrazioneringrazio il Presidente Valsecchi e tutti i cittadini, commercianti e non, che si attivano per garantire maggior controllo in città. Dimostrandocosì attenzione verso il territorio e le persone che lo abitano. Mi auguro che i commercianti riescano a raggiungere il 50% delle adesioni, in modo da attivare anche il controllo in prossimità dei negozi con il fine di limitare scippi e furti, soprattutto nei periodi di saldi e festività".

I numeri del Controllo del Vicinato

Era solo lo scorso febbraio quando le zone coperte dal servizio di cittadini volontari impegnati nel CdV, sono passate da 23 a 26 gruppi. Ora, a questi 26 gruppi attivi e funzionanti, a breve se ne aggiungeranno altre due che alzeranno il numero delle famiglie coinvolte (con una media di tre persone per famiglia) portandolo a circa 1700.