Menu
Cerca

Cinesi in auto con droga e armi: finiscono nei guai

Quattro dei quali con regolare permesso di soggiorno e tutti pregiudicati per reati contro il patrimonio. 

Cinesi in auto con droga e armi: finiscono nei guai
Cronaca Rhodense, 30 Luglio 2018 ore 16:50

In quest’ultimo periodo il Commissariato di P.S. di Rho Pero ha messo in atto una serie di servizi di controllo del territorio implementati anche da equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine appositamente inviati dalla Questura di Milano al fine di contrastare il fenomeno dei furti in abitazioni ed in aziende.

Cinesi in auto con la droga

Sabato 28 luglio una volante del Commissariato di Polizia di Stato di Rho Pero, in supporto al Reparto Prevenzione Crimine di Milano, ha fermato e poi denunciato in stato di libertà quattro persone e trasferito una quinta in carcere. Gli agenti, perlustrando la zona industriale di via De Gasperi, hanno individuato una BMW con cinque persone all'interno mentre procedeva lentamente. i quattro osservano con particolare attenzione l'ingresso di alcune ditte. Insospettiti dall'atteggiamento, i poliziotti hanno fermato la macchina e controllato i passeggeri. Questi erano tutti di origini cinese, quattro dei quali con regolare permesso di soggiorno e tutti pregiudicati per reati contro il patrimonio.

Droga e armi

Uno dei passeggeri identificato per Z.Y. cittadino cinese di anni 50 ed abitante a Reggio Emilia, dal controllo alla banca dati risultava ricercato da aprile corrente anno in quanto colpito da un ordine carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica di Padova per scontare la pena residua e complessiva di due anni e sette mesi di reclusione per una serie di furti in aziende. Il guidatore della BMW risultava essere J.H. di 27 anni. Nel corso della perquisizione sotto al suo sedile i poliziotti hanno rinvenuto una pistola a salve simile ad una autentica mod. 92 cal. 8 mm con all’interno cartucce a salve. Nel bagagliaio dell'auto sono stati trovati anche alcuni taglierini, scalpelli con lame affilate ed altro materiale utile allo scasso. Infilato nella cintura dei pantaloni di uno dei cinesi, J.J. di anni 41 di fatto abitante a Torino, i poliziotti hanno scoperto un coltello a serramanico di genere proibito. Nello zaino di un quarto cittadino cinese H.W.W. 20enne in Italia senza fissa dimora sono state invece rinvenute due dosi di una sostanza stupefacente denominata shaboo. A carico del quinto cittadino cinese identificato per L.J. di anni 38 risultava un ordine di allontanamento emesso dal Questore di Padova a lasciare il Paese, notificato il 13.6.2018 e con a carico numerosi precedenti penali per reati contro il patrimonio. Il tutto è stato sottoposto a sequestro penale.

Tutti i cinque venivano accompagnati negli Uffici del Commissariato di P.S. Rho Pero dove al termine dei rilievi foto dattiloscopici e procedure sono stati indagati in stato di libertà ognuno per i reati indicati. Z.Y. invece è stato trasferito nella Casa
Circondariale di Milano San Vittore.

Cos'è lo shaboo

Lo shaboo è una sostanza stupefacente chimico sintetico ad altissima concentrazione di anfetamina prodotto in Thailandia e nelle Filippine. Ormai però questa droga è diffusa anche in Europa. Trova i suoi consumatori tra cittadini asiatici ed i maggiori spacciatori sono proprio i cinesi. L’effetto stimolante dello shaboo è notevolmente superiore a quello della cocaina.