Chiusi dentro al parco, liberati dai carabinieri

Erano a giocare a basket, all'uscita hanno trovato il cancello del parchetto chiuso in anticipo. Non riescono a scavalcare e chiamano i carabinieri che li liberano.

Chiusi dentro al parco, liberati dai carabinieri
Legnano e Altomilanese, 19 Agosto 2018 ore 13:32

Quattro ragazzi sono rimasti chiuso all'interno del parco di via Roma a San Vittore, sul posto i carabinieri per liberarli.

Chiusi dentro al parco, chiamano il 112

Hanno dovuto chiamare il numero di emergenza dopo aver tentato in più modi di uscire dal parco che era stato chiuso prima del tempo. La chiamata è arrivata alle 20:55, cinque minuti prima della chiusura dei giardinetti di via Roma, a San Vittore Olona. "Siamo chiusi nel parco - hanno detto i tre ragazzi all'operatore - il cancello è chiuso con una catena, ci sono persone che non riescono a scavalcare la recinzione. Non sappiamo come uscire”.

Una pattuglia sul posto

L’operatore gli ha quindi passato la Centrale dei Carabinieri di Legnano. Il carabiniere incredulo ha chiesto spiegazioni e domandato indicazioni, cercando di tenere in linea i ragazzi mentre si contattava la Stazione dei Carabinieri di Cerro Maggiore in cerca di un responsabile del parchetto. “Alcuni sono riusciti a scavalcare ma noi non ce la facciamo”, spiegavano dal telefono. Il carabiniere, invitando i "rinchiusi" a non tentare di scavalcare, ha inviato sul posto una pattuglia del NOR per accertarsi che stessero tutti bene e cercare di aiutarli a uscire.

Nessun avviso

Sul posto i militari hanno trovato quattro ragazzi, tra i 18 e i 31 anni. Tre dentro al parco, uno fuori che era riuscito a scavalcare. Erano lì per giocare a basket e 10 minuti prima dell'orario di chiusura si erano avviati verso il cancello d'uscita, trovandolo però già chiuso. "Non abbiamo visto mentre lo chiudevano. Altre volte siamo venuti e ci è anche successo che ci avvisassero che stavano per chiudere ma oggi non abbiamo visto e sentito nessuno” ha dichiarato l'uomo che era riuscito a scavalcare con l'aiuto degli amici. Ispezionato il perimetro del parco l’intera recinzione, come giusto, era integra e insormontabile.

Liberati

Non trovando altra possibile e sicura via d'uscita, i carabinieri presenti hanno informato la centrale e hanno proceduto col taglio della catena che chiudeva il cancello. Sono state informate le autorità locali perchè ripristino la chiusura e verifichino quanto successo. Ed è stato richiesto anche l'individuazione di qualcuno che, in caso dovesse ripetersi l'inconveniente, possa avere riferimenti e recapiti da contattare.