Cronaca
Tragedia

Chi era davvero Massimiliano Pozzi, l'avvocato dal gesto estremo al Tribunale di Milano

Veniva chiamato "Massi", un papà amorevole e un appassionato di baseball.

Chi era davvero Massimiliano Pozzi, l'avvocato dal gesto estremo al Tribunale di Milano
Cronaca Bollatese, 15 Luglio 2022 ore 15:03

Chi era davvero Massimiliano Pozzi, l'avvocato dal gesto estremo al Tribunale di Milano. Veniva chiamato "Massi", un papà amorevole e un appassionato di baseball.

Massimiliano Pozzi, al di là del gesto estremo

Ci ha lasciato improvvisamente nella giornata di mercoledì, Massimiliano Pozzi. Aveva 49 anni ed era avvocato: un gesto estremo pare alla base del volo dal settimo piano del Tribunale a Milano.  "Massi" come veniva chiamato, abitava con la famiglia a Mombello, una frazione di Limbiate (Brianza) e lascia una moglie e un figlio di 13 anni. E’ proprio grazie a lui che Pozzi aveva scoperto nel baseball una grande passione.

Appassionato di baseball

Frequentava la città, infatti, perché suo figlio si è allenato, fino a poco tempo fa, con il Baseball Senago.

E’ proprio a bordo dei diamanti milanesi che Massimiliano si è fatto conoscere come un uomo sempre disponibile e attento ai bisogni del figlio: "Era una persona fantastica - ha affermato un suo caro amico - Un uomo intelligente, colto. Più volte ho portato mio figlio a fare i compiti col suo perché li aiutava nelle difficoltà". Non faceva più parte dell’albo degli avvocati dal 2014 e in questi tempi si occupava di amministrare condomini. La domenica, invece, tutte le sue attenzioni erano per il figlio e per l’amatissimo Senago Baseball: "I ragazzi del baseball stravedevano per lui. Lo seguivano in tutto e lui non si tirava mai indietro per dare una mano - ha continuato l’amico - Infatti, ora siamo tutti sconvolti da ciò che è successo".

"Un papà ultras"

Chi era vicino a lui non accetta che Massimiliano venga ricordato solo per alcuni suoi problemi o debolezze.

"Noi non conoscevamo Massimiliano per quello che è stato scritto - ha continuato - Abbiamo passato diverso tempo insieme, vacanze e pomeriggi all’insegna dello sport. Vogliamo ricordarci di Massimo come l’uomo col quale potevamo portare i ragazzi alle partite alla domenica e mentre si allenavano, andavamo al primo supermercato per farci il panino col salame e berci una birra a bordo campo. Un papà ultras, una figura modello per suo figlio. E’ da quel giorno che mi chiedo come sia stato possibile".

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter