La denuncia

Castano Primo, ennesima minaccia al sindaco Pignatiello

Ancora un'altra minaccia nei confronti del sindaco di Castano Primo: è lo stesso Pignatiello a denunciare il rinvenimento di un "macabro" messaggio.

Castano Primo, ennesima minaccia al sindaco Pignatiello
Legnano e Altomilanese, 15 Settembre 2020 ore 19:09

Castano Primo, il sindaco Giuseppe Pignatiello denuncia ancora una nuova minaccia nei suoi confronti.

La denuncia di Pignatiello

Dalle prime indicazioni, descritte direttamente dal primo cittadino, sembrerebbe un messaggio “macabro” lasciato sulla finestra di casa sua. “Non avrei pensato di dover denunciare ancora atteggiamenti mafiosi e fascisti – ha commentato il primo cittadino Castanese –  Come ho sempre fatto, senza timore e omertà, io denuncio anche stavolta. Visto che purtroppo i tentativi di spaventarmi continuano senza tregua ho ritenuto corretto denunciare.
Ho rinvenuto un macabro, davvero macabro messaggio intimidatorio lasciato in casa mia, proprio davanti alla finestra. – ha spiegato Pignatiello – Come sempre ho segnalato subito alle Forze dell’Ordine l’accaduto, e non finirò mai di ringraziarli per il lavoro che svolgono ogni giorno con impegno senza pari”.

Messaggio macabro lasciato a casa sua

“Il mio unico rammarico è che a vivere questo terrorismo disgustoso è soprattutto la mia famiglia! – ha ammesso il sindaco di Castano – E guarda caso, pochi giorni dopo una mia presa di posizione in merito ai fatti del settembre 2015, mi ritrovo a dover fare i conti con nuove intimidazioni contro di me. Così come nel settembre dell’anno scorso quando mi sono ritrovato con le gomme dall’auto tagliate. Mi ritrovo oltre a questa minaccia macabra, anche striscioni sui cavalcavia con le provocazioni del solito gruppuscolo di esaltati, come successo più volte e su cui più volto ho visto il mio nome sbeffeggiato”.

Le altre minacce rivolte al sindaco

Dal 2014 ad oggi il Sindaco di Castano Primo Pignatiello ha già ricevuto diverse minacce ed atti intimidatori, tant’è che in diverse occasioni è stata disposta una sorveglianza potenziata nei suoi confronti. Lo stesso Pignatiello ricorda le minacce di morte dopo l’ opposizione al raduno nazionale di CasaPound a Castano Primo nel 2015, i danneggiamenti alla sua auto e diversi blitz davanti a casa a notte fonda. Tra gli eventi più significativi, il rinvenimento di biglietto di insulti con scritto “Assassino” davanti alla porta della sua abitazione. Nel settembre 2019, invece, ignoti avevano tagliato le gomme dell’auto.

“Io non ho paura. Continuo a denunciare”

“Io non ho paura, io continuerò a denunciare a testa alta e schiena dritta, perché non ho nulla da temere – ha chiosato Pignatiello – Questo è l’ennesimo gesto da codardi, una minaccia portata avanti da vigliacchi e da chi di democratico, civili e onesto non ha nulla. Perché la paura non vincerà mai. Mai”.

LEGGI ANCHE: Minacce al sindaco di Castano Primo Giuseppe Pignatiello

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia