Menu
Cerca

Caserma dei carabinieri di Turate, ecco la buona notizia

Raggiunto accordo con il Ministero dell'Interno e la Prefettura di Como sulla vicenda dell'affitto

Caserma dei carabinieri di Turate, ecco la buona notizia
Saronno, 29 Dicembre 2018 ore 16:29

Caserma dei carabinieri di Turate, risolta l'annosa vicenda.

Caserma dei carabinieri di Turate, accordo risolutivo

Il 2018 sarà ricordato come un anno importante. In questi 12 mesi è stato infatti raggiunto con il Ministero dell'Interno e la Prefettura di Como un prezioso accordo per la locazione onerosa dello stabile di proprietà della farmacia comunale di Turate e destinati alla caserma dei carabinieri di via Mazzini. Attualmente, viste le stingenti norme del patto di stabilità degli enti pubblici, la disponibilità economica offerta dal Ministero è quantificata in un canone di affitto pari a circa 24mila euro all'anno. Un risultato di fatto importante: grazie a una serie di immobili ministeriali dismessi in questi tempi, sono arrivate risorse per consentire il versamento di un canone di affitto a Turate.
Si conclude così una vicenda, assolutamente anomala, che si trascinava da anni. Dal 2009 (anno di apertura della caserma) fino al 2014, gli spazi comunali sono stati concessi in comodato totalmente gratuito. Dal 2015 al 2017, il Ministero non era stato in grado di fornire l'affitto, da quest'anno è stata invece riconosciuta una buona parte del canone concordato.

Il commento del sindaco

"Come Amministrazione comunale - afferma il primo cittadino Alberto Oleari - siamo molto contenti di aver raggiunto questo accordo grazie al quale abbiamo regolarizzato questa situazione dopo quasi 10 anni di decisioni discutibili ereditate dalle precedenti amministrazioni. Ci teniamo comunque a sottolineare, ancora una volta, che la caserma costituisce un servizio molto utile per il nostro territorio e, anzi cogliamo l'occasione per ringraziare i militari di Turate per il lavoro che quotidianamente svolgono con attenzione, sul nostro territorio".

TORNA ALL'HOME PAGE DI SETTEGIORNI PER LE ALTRE NOTIZIE