Cronaca

La casa confiscata alla mafia ospiterà le famiglie in difficoltà

La casa confiscata di via Stradivari è stata restituita alla cittadinanza con una cerimonia ufficiale. Ospiterà famiglie in emergenza abitativa.

La casa confiscata alla mafia ospiterà le famiglie in difficoltà
Cronaca 29 Ottobre 2017 ore 15:19

Sabato 28 ottobre la casa confiscata alla mafia è stata restituita alla cittadinanza di Lainate.

Casa confiscata: la cerimonia

Da bene confiscato alla mafia a casa di tutti i lainatesi. Sabato l’abitazione di via Stradivari, sequestrata alla malavita organizzata, è stata restituita alla città con una cerimonia ufficiale. A comunicare in Comune la disponibilità dell’immobile era stata l’Agenzia nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata. Alla fine del 2014 l’Amministrazione di Lainate è venuta a conoscenza della disponibilità dello spazio di via Stradivari da tempo disabitato e in condizioni di incuria e di abbandono.

Un'opportunità sociale

Per Lainate la donazione è stata così una straordinaria opportunità di dimostrare ai cittadini il proprio impegno sul fronte della legalità: da qui l’idea di acquisirla e restituirla ai cittadini. Incassato il finanziamento, il Comune ha avviato subito il cantiere per la struttura per trasformare l’immobile di via Stradivari. Accoglierà temporaneamente, e per un periodo massimo di due anni, famiglie in difficoltà abitativa. Dove prima c’era la malavita, ora potranno nuove famiglie in difficoltà avranno un luogo dove ripartire.

Il taglio del nastro

Al battesimo ufficiale erano presenti le istituzioni locali, i rappresentanti dell’Amministrazione comunale e l’Associazione Libera. Quest'ultima da anni si batte contro le mafie e ha contribuito al recupero dell'immobile.