Menu
Cerca
rho

Botte tra due ragazze fuori da un locale, il barista continua a servire alcolici

Arriva la Polizia e dopo i controlli chiude anche il locale

Botte tra due ragazze fuori da un locale, il barista continua a servire alcolici
Cronaca Rhodense, 29 Maggio 2020 ore 17:34

Botte tra due ragazze fuori da un locale, arrivano gli agenti del Commissariato di Rho-Pero e dopo i controlli chiudono anche il bar in quanto, nonostante il trambusto, i titolari avevano continuato a servire alcolici senza che nessuno stesse regolarizzando gli accessi. L’intero locale risultava sovraffollato di clienti di cui, gran parte, anche sprovvisti di mascherina protettiva.

Botte tra due ragazze fuori da un locale, il barista continua a servire alcolici

L’episodio è successo nella serata di sabato, a chiamare il 112 alcune delle persone presenti fuori dal locale che segnalavano una rissa in atto all’esterno di un bar su corso Europa. Giunti sul posto i poliziotti notavano la presenza di numerosi avventori all’ingresso del locale e da una veloce verifica  tra i presenti non riscontravano l’episodio di rissa segnalato, ma una lite tra due giovani donne passata alle vie di fatto.
Una delle due ragazze, 19 anni di Rho veniva rintracciata poco distante dal bar mentre l’altra ragazza con cui si era malmenata aveva già lasciato la zona di corso Europa in auto con altri amici. La ragazza fermata riferiva che la lite era iniziata dopo reciproche offese con una sconosciuta, per poi colpirsi con schiaffi e calci, e che successivamente a dividerle erano stati alcuni amici presenti. Mentre gli agenti stavano sentendo la 19enne protagonista di quando avvenuto all’esterno del locale di corso Europa, si avvicinavano alcuni avventori, evidentemente alticci, sostenitori dell’una e dell’altra parte in lite, che venivano ricondotti all’ordine solo con l’ausilio di una pattuglia dei Carabinieri chiamata a rinforzo. In quel momento in strada, davanti al locale, c’erano circa 50 persone. Calmati gli animi, tutte le parti venivano invitate ad allontanarsi dal posto, così come il capannello di persone che si era venuto a creare. Al fine di acquisire quanti più elementi possibili sull’accaduto, i poliziotti si portavano all’interno del locale appurando che le attività di somministrazione degli alcolici erano riprese regolarmente senza che alcuno stesse regolarizzando gli accessi: difatti l’intero locale risultava sovraffollato di clienti di cui, gran parte, anche sprovvisti di mascherina protettiva. L’altra cosa che gli agenti del Commissariato rhodense hanno notato all’interno del locale erano i tavoli che non erano stati predisposti secondo le prescrizioni vigenti in materia Covid, non garantendo alcun distanziamento di sicurezza di almeno un metro e  inoltre non risultavano presenti prodotti igienizzanti per le mani. La sera precedente personale del Commissariato Rho Pero aveva effettuato un intervento presso il medesimo bar, dove era stato notato un grande afflusso di persone, indicando e raccomandando al gestore di attenersi alle indicazione fornite dalle normative vigenti in materia di prevenzione Covid. In considerazione di tutto ciò, il titolare dell’esercizio veniva sanzionato con 400 euro di multa e, con la sanzione accessoria della chiusura provvisoria del locale per due giorni: in attesa delle valutazioni dell’Autorità Prefettizia che potrà valutare la sanzione amministrativa accessoria di chiusura dell’esercizio da 5 a 30 giorni.

TORNA ALLA HOME