FASE 2

Bollate: una città che torna alla normalità

Firmate dal sindaco Francesco Vassallo le nuove ordinanze che cominciano a prevedere la riapertura di servizi e attività.

Bollate: una città che torna alla normalità
22 Maggio 2020 ore 16:44

La città comincia a tornare alla normalità.

La firma alle ordinanze

Sono state firmate dal sindaco Francesco Vassallo le nuove ordinanze che cominciano a prevedere la riapertura di servizi e delle attività a Bollate. Ecco, in sintesi coma cambia dai prossimi giorni:

Mercati e parcheggi

Riprendono nei giorni e orari consueti tutti i mercati cittadini, compreso il mercato contadino. Saranno presenti bancarelle di tutti i generi di consumo e non più solo alimentari. Prosegue poi fino al 31 maggio 2020, su tutto il territorio comunale, il parcheggio libero nelle strisce blu. La sosta a pagamento o con disco orario ripartirà infatti dal 3 giugno.

Cimiteri e parchi

Dal 22 maggio riaprono i tre cimiteri cittadini nelle fasce orarie consuete. Rimane quindi vietata ogni forma di assembramento e l’obbligo del distanziamento e dell’utilizzo dei dispositivi previsti dalla norma (mascherine). Dal 22 maggio riaprono tutti i parchi e le aree verdi cittadine nel rispetto del distanziamento e nel divieto di assembramenti. Accesso libero anche alle aree cani. Resta vietato l’utilizzo di tutti i giochi presenti in parchi, aree verdi, giardini, piazze e tutti i luoghi pubblici.

Polifunzionale

Resta ancora chiuso il Servizio “Sportello Polifunzionale” comunale nella giornata di sabato. Per gli altri giorni si riceve su appuntamento.

Piattaforma e orti

La piattaforma ecologica è operativa, come sempre con i seguenti orari: dal lunedì al sabato dalle 9 alle 12 e dalle  15 alle 18. Riapre anche la domenica dalle ore 9:00 alle ore 12:00. Torna attivo il servizio di conferimento dei rifiuti ingombranti e del legno da parte dei cittadini.  Accesso libero infine agli orti comunali di via Nenni ai rispettivi titolari o delegati.

TORNA ALLA HOME PAGE

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
ANCI Lombardia