Cronaca
legnano

Bloccata in Bangladesh da febbraio, finalmente torna a casa

È la situazione in cui si è trova Tiziana Casamassima, 22 anni, a causa dell’emergenza Coronavirus.

Bloccata in Bangladesh da febbraio, finalmente torna a casa
Cronaca Legnano e Altomilanese, 08 Settembre 2020 ore 17:17

Bloccata in Bangladesh da febbraio finalmente torna a casa dopo 192 giorni.

Bloccata in Bangladesh da febbraio finalmente torna a casa

Avrebbe dovuto trascorrere in Bangladesh dieci giorni, ma prima che potesse tornare in Italia ne sono passati 192. Tanto è durata l'odissea di Tiziana Casamassima, 22enne legnanese bloccata nel Paese asiatico a causa dell'emergenza Covid. La giovane ha potuto riabbracciare i suoi cari soltanto ieri, lunedì 7 settembre. "Sono atterrata a mezzanotte a Linate dopo aver fatto scalo a Istanbul e a Francoforte - racconta Tiziana dalla sua casa di Legnanello che aveva lasciato a fine febbraio convinta di rientrare l'8 marzo - Ad attendermi all'aeroporto c'erano mio papà e mia sorella, mentre la mamma è rimasta a casa a cucinare per me". Per poter tornare alla sua vita di sempre e al suo lavoro al centro commerciale di Arese, Tiziana dovrà sottoporsi a un altro tampone, dopo quello effettuato a Dacca prima di imbarcarsi. "Lo farò domani" prosegue la giovane, che nel frattempo è in isolamento fiduciario insieme alla madre, mentre il padre e la sorella minore si sono trasferiti per precauzione a casa della nonna a Nerviano.
Per la legnanese tornare finalmente a casa e rivedere la sua famiglia è stata una grande gioia, ma Tiziana in Bangladesh ha lasciato un pezzo di cuore. La sua infatti non era una semplice vacanza: a spingere la giovane a mettersi in viaggio, a fine febbraio, non era stato il desiderio di vedere il mondo, ma quello di riabbracciare l’uomo del quale è innamorata, il fidanzato bengalese Hasan, 27 anni. “Ci siamo conosciuti ad Arese, dove entrambi lavoravamo nella cucina di un ristorante del centro commerciale. Nell'estate 2019 gli è scaduto il permesso di soggiorno e a settembre è stato espulso: l'unico modo per rivederlo era raggiungerlo in Bangladesh. E così ho fatto, pensando di fermarmi per dieci giorni". La ragazza non poteva certo immaginare che sarebbe arrivato il Covid a sconvolgere i suoi piani. Il virus infatti ha causato il blocco dei voli e le autorità italiane non hanno provveduto a organizzarne uno. Anche dopo la fine del lockdown, che nel Paese è stato prolungato più volte, organizzare il rientro in Italia è stato un percorso a ostacoli: "Più volte ho prenotato voli che poi venivano cancellati - dice ancora Tiziana - Senza contare che per raggiungere gli uffici delle compagnie aeree internazionali e le agenzie di viaggi ogni volta impiegavamo sette ore: tanto dista la capitale Dacca dal villaggio in cui vive Hasan".

Ora per lei è tempo di godersi l'affetto dei suoi famigliari, che hanno finalmente potuto tirare un sospiro di sollievo dopo mesi di preoccupazione, e di rivedere amici e colleghi, non appena potrà uscire e tornare alla vita di sempre, ma una volta conclusa l'emergenza la giovane legnanese tornerà a trovare Hasan. "Ho promesso ai miei genitori di aspettare che la situazione si normalizzi, ma ripartirò. Per ora ci dovremo accontentare di sentirci per telefono".

TORNA ALLA HOME