Cronaca

Bimbo morto nel Naviglio, la rabbia di Noè

L'ex ciclista professionista Andrea Noè interviene sulla vicenda del bimbo morto a Turbigo e chiama le istituzioni alla responsabilità.

Bimbo morto nel Naviglio, la rabbia di Noè
Cronaca 29 Ottobre 2017 ore 13:06

Sulla vicenda del bimbo morto dopo essere caduto nel Naviglio con la bici a Turbigo è intervenuto anche Andrea Noè, ex ciclista professionista e ora consigliere comunale a Robecco.

Bimbo morto, tragedia evitabile

"Fino a quando dobbiamo assistere a questi tristi eventi? - ha commentato Noè -. Un’alzaia dove si gioca con la vita altrui e dove Regione Lombardia continua a gonfiarsi il petto investendo in progetti turismo/bici portando sempre più persone su un qualcosa che non è una pista ciclopedonale".

Noè: "Ora basta"

"E' ora di dire basta - continua l'ex maglia rosa del Giro d'Italia -. Rendere la tratta Naviglio Grande e non solo una vera pista ciclopedonale non è poi così difficile. Smettiamo di fare solo politica sui tavoli, scaricare i problemi agli uni e agli altri. Cerchiamo d’esser più concreti e seri, perché la prossima volta può capitare a voi o a vostri cari".

 

La morte di Haris, ecco come è finito in acqua - FOTOGALLERY