Bimbi sicuri in auto: al via la campagna

Seggiolini auto: ecco come bisogna usarli

Bimbi sicuri in auto: al via la campagna
Cronaca 19 Novembre 2017 ore 14:30

Bimbi sicuri in auto: al via la campagna. A presentarla l'assessore alla Sicurezza Simona Bordonali e l'assessore regionale alla Sanità Giulio Gallera.

Bimbi sicuri in auto

"Bastano pochi e semplici gesti per tutelare la sicurezza dei bambini in auto, per questo Regione Lombardia scende in campo con una campagna di informazione e sensibilizzazione sul corretto utilizzo del seggiolino. Una campagna a tappeto su tutto il territorio regionale che diffonderemo attraverso tutti i nostri canali, inclusa la nostra rete ospedaliera, le pediatrie e i punti nascita, al fine di raggiungere la piu' ampia copertura possibile", spiega l'assessore Gallera.

2 foto Sfoglia la gallery

Visita in fiera

Gallera, durante la visita alla fiera 'G! come giocare' a Fieramilanocity,  ha lanciato 'Se lo allacci, lo salvi! Bambini sicuri in auto', campagna promossa dall'Assessorato al Welfare in collaborazione con la Direzione Generale Sicurezza di Regione Lombardia, Automobile Club Milano e Assogiocattoli, per sensibilizzare sul corretto utilizzo dei seggiolini in auto. "L'obiettivo di Regione Lombardia - ha spiegato Gallera - e'
quello di radicare una cultura della sicurezza in auto per ridurre il rischio di traumi anche gravi o addirittura la morte di bambini. Abbiamo preparato del materiale informativo che spiega in maniera semplice e chiara come scegliere il giusto seggiolino e come utilizzarlo in maniera corretta anche in base alle vigenti norme di omologazione. Ricordo, poi, che l'uso del seggiolino e' obbligatorio e che non rispettare questo obbligo oltre a mettere a rischio l'incolumità dei bambini, comporta anche sanzioni o la sospensione della patente".

Campagne per i più piccoli

"A breve - ha aggiunto - partiremo con una campagna di sensibilizzazione più ampia che toccherà altri importanti temi come la disostruzione pediatrica delle vie aeree. Ci focalizzeremo sulla formazione degli operatori direttamente coinvolti e dei cittadini, ma anche sulla formazione dei bambini nella gestione dell'emergenza, perchè capita sempre più spesso che siano proprio loro a trovarsi in situazioni di emergenza ed
e' corretto che sappiano come comportarsi".