Menu
Cerca
carabinieri

Banda di ladri professionisti: perquisizioni anche a Bareggio e Settimo Milanese

Ingente la refurtiva asportata nei diversi colpi loro contestati.

Banda di ladri professionisti: perquisizioni anche a Bareggio e Settimo Milanese
Cronaca Magenta e Abbiategrasso, 02 Marzo 2021 ore 12:24

Nel pomeriggio di giovedì 24 febbraio, i Carabinieri della Sezione Operativa del Norm di Abbiategrasso, coadiuvati da altri militari della Compagnia, hanno eseguito quattro fermi di indiziato di delitto nei confronti di soggetti albanesi ritenuti responsabili a vario titolo della commissione, organizzata e sistematica, di furti in abitazione anche mediante utilizzo di potenti autovetture con targhe clonate.

Banda di ladri professionisti: perquisizioni anche a Bareggio e Settimo Milanese

I 4 provvedimenti di fermo, eseguiti d’iniziativa dai militari a Bareggio, nell’ambito di un’attività d’indagine in corso, gestita dalla Procura della Repubblica di Pavia e diretta dal Pubblico Ministero Dottor Paolo Pietro Mazza, pienamente condivisi dal Giudice delle indagini preliminari del Tribunale di Milano Dottoressa Elisabetta Meyer che li ha convalidati su conforme richiesta avanzata dal Pubblico Ministero Dottor Alessandro Gobbis, si basano su 5 episodi di furto aggravato in abitazione in assenza dei proprietari avvenuti in diverse località del milanese e del pavese fra il 19 dicembre e il 15 febbraio. Le successive indagini condotte dalla Sezione Operativa del Norm hanno consentito di attribuire al gruppo, gravitante su Bareggio, anche una rapina impropria commessa allo scopo di assicurarsi la fuga ed il riciclaggio di autovetture rubate.

Il modus operandi

Il modus operandi, emerso nel corso di intercettazioni e riscontrato da attività di osservazione, consisteva solitamente in un incontro preliminare all’interno di un esercizio pubblico di Bareggio per la pianificazione del colpo, dopodiché nel tardo pomeriggio della medesima giornata venivano effettuati rapidi sopralluoghi in varie aree alla ricerca delle abitazioni da depredare, per poi operare in fascia serale con due autovetture in staffetta radiocollegate, entrando nelle abitazioni prescelte scardinando finestre e porte, senza entrare in contatto con i proprietari. Dopo il colpo seguivano quindi le fasi della cessione della refurtiva, la conta del guadagno e la ripartizione di quest’ultimo fra i vari complici.
La cattura dei malviventi ha consentito di scongiurare l’allontanamento di 2 soggetti all’estero, che gli investigatori ritenevano fondato sulla scorta di alcune conversazioni intercettate in particolare nella giornata di lunedì 22 febbraio.

La refurtiva

Ingente la refurtiva asportata nei diversi colpi loro contestati, che consiste in denaro contante, gioielli in oro ed argento, effetti personali nonché due Apple Ipad ed un telefono.
Nell’ambito delle perquisizioni personali, domiciliari e veicolari operate al momento dell’esecuzione dei fermi, in varie località fra cui Bareggio, Chieve (CR), Cusago Crespiatica (LO) e Settimo Milanese, i militari hanno rinvenuto e posto sotto sequestro complessivamente:

–          4 auto di grossa cilindrata, tutte in uso al gruppo per la commissione dei reati ed i trasferimenti logistici fra varie località (Audi A5 di provenienza furtiva e con applicata una targa clonata per occultarne la provenienza illecita, Audi A4; Alfa Romeo 159; Audi A4 con targa straniera);

–          un’ingente somma di denaro contante in varie valute complessivamente pari a 22.760 euro, 260 dollari americani, 20 Pounds inglesi, 200 Franchi svizzeri e 330 Lei rumeni, ritenuti provento dei furti e della vendita dei beni asportati nel tempo tramite ricettatori al momento non ancora individuati;

–          vari attrezzi da scasso: una cesoia tronchese tagliabulloni da 60 centimetri , un’accetta, due piedi di porco, un cavo da traino in acciaio di 5 metri, due ricetrasmittenti, due paia di guanti neri in tessuto, una fresa circolare con 4 dischi, tutto rinvenuto all’interno dell’autovettura Audi A5 nascosta in un garage di Settimo Milanese.

A 3 dei 4 fermati, già associati presso il carcere di San Vittore da giovedì, l’Autorità giudiziaria meneghina ha contestualmente applicato, su conforme richiesta del Pubblico ministero, la custodia cautelare in carcere, mentre il quarto soggetto, incensurato, è stato sottoposto alla misura dell’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli