Cronaca

Bancarotta fraudolenta: indagate sei persone

Le Fiamme Gialle saronnesi hanno denunciato alla Procura della Repubblica sei persone che, a vario titolo, dovranno rispondere di molti reati.

Bancarotta fraudolenta: indagate sei persone
Cronaca Saronno, 19 Gennaio 2018 ore 12:32

I Finanzieri della Compagnia di Saronno, coordinati dalla Procura della Repubblica di Busto Arsizio, hanno eseguito mirate investigazioni nei confronti di due aziende: sei gli indagati per bancarotta fraudolenta.

Indagate sei persone per bancarotta fraudolenta

I Finanzieri della Compagnia di Saronno, coordinati dalla Procura della Repubblica di Busto Arsizio, hanno eseguito mirate investigazioni nei confronti di due aziende. Gli amministratori, per sottrarsi al pagamento di consistenti debiti, sia verso i fornitori che nei confronti di alcuni Enti statali per imposte, tasse e contributi mai versati, avevano attuato operazioni societarie per svuotare le imprese dei beni e delle residue disponibilità finanziarie al fine di condurle al fallimento.

Diversi i reati contestati

Le Fiamme Gialle saronnesi hanno denunciato alla Procura della Repubblica sei persone che, a vario titolo, dovranno rispondere dei reati di bancarotta fraudolenta, riciclaggio e autoriciclaggio, trasferimento fraudolento di valori e sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte. Le finalità illecite erano diverse: da una parte distrarre beni e residue disponibilità finanziarie e patrimoniali per far fallire le imprese; dall’altra parte, appropriarsi di quanto sottratto per fini personali o per realizzare investimenti in altre aziende di comodo intestate a prestanome, reclutati fra ex dipendenti. Gli stessi amministratori, per evitare che potessero essere individuate e scoperte le condotte illecite poste in essere, non hanno esitato ad occultare e distruggere libri e scritture contabili.

L'attività investigativa

L’attività investigativa, estesa anche al territorio campano, ha permesso di acquisire una mole di documentazione, la cui analisi, eseguita con l’ausilio delle indagini bancarie, ha consentito di ricostruire i flussi finanziari delle operazioni gestionali, permettendo di delineare un quadro accusatorio che ha consentito all’Autorità Giudiziaria di emettere un decreto di sequestro preventivo di automobili, autotreni aziendali e un immobile in Calabria, fraudolentemente alienato ad altro compiacente soggetto, parimenti indagato dalla Procura per intestazione fittizia di beni.

Sequestrati oltre 100.000 euro di beni

Il sequestro di tali beni, stimato in oltre 100.000 euro, ha lo scopo di tutelare i creditori, fra cui, i dipendenti e/o piccoli artigiani, truffati dal sodalizio criminale. Le operazioni di servizio appena ultimate sono finalizzate a reprimere in maniera incisiva e trasversale i contesti criminali che creano maggiore allarme sociale, attraverso l’aggressione dei patrimoni illecitamente accumulati con i profitti derivanti da reati economico-finanziari.

3 foto Sfoglia la gallery
Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter