Menu
Cerca

Aveva sequestrato l'ex moglie chiudendola nel bagagliaio e tentato poi il suicidio, arrestato

Colpita con un martello, rinchiusa nel bagagliaio della macchina e poi legata a una sedia per controllarle il cellulare. Appena sarà dimesso dall'ospedale l'ex marito finirà in carcere

Aveva sequestrato l'ex moglie chiudendola nel bagagliaio e tentato poi il suicidio, arrestato
Cronaca Saronno, 25 Ottobre 2019 ore 10:25

I carabinieri della Stazione di Mozzate hanno ricostruito quanto avvenuto venerdì scorso a Mozzate, arrestando l'uomo che aveva sequestrato l'ex moglie.

Aveva sequestrato l'ex moglie per gelosia, in carcere per tentato omicidio

E' stato arrestato con le accuse di tentato omicidio, sequestro di persona e incendio G.G., il 57enne di Mozzate che venerdì scorso aveva sequestrato l'ex moglie. L'uomo aveva seguito la donna, di dieci anni più giovane, mentre andava al lavoro. Una volta raggiunta in via dei Ronchi, l'aveva bloccata e colpita alla testa con un martello e rinchiusa dentro il bagagliaio della propria auto. Rapita la donna, l'aveva portata a casa obbligandola a salire in casa con un coltello a serramanico, legandola a una sedia e costringendola a mostrargli il contenuto del suo cellulare in cerca delle prove di un rapporto con un altro uomo.

Il tentato suicidio

Non trovò nulla tra i messaggi della donna. Così dopo averla liberata aveva dato fuoco alla propria auto parcheggiata nel box, ustionandosi gli arti inferiori, e aveva poi tentato il suicidio accoltellandosi al petto.

Arrestato

I carabinieri avevano subito iniziato le indagini necessarie a chiarire quanto successo in quella giornata da incubo per la donna. Gli approfondimenti investigativi effettuati ascoltando diverse testimonianze e visionando i referti medici hanno permesso di giungere a un quadro probatorio nitido e condiviso dall'Autorità Giudiziaria che ha disposto la custodia cautelare in carcere per l'ex marito con le accuse di sequestro di persona, tentato omicidio e incendio. I militari dell'Arma hanno notificato l'ordinanza all'uomo, ancora ricoverato in carcere per le ferite che si era procurato e, non appena sarà dimesso, sarà trasferito al carcere di Varese.

LEGGI ANCHE: Per gelosia rapisce l'ex, la chiude nel baule e poi si accoltella