Nerviano

Addio a Rosy Quartini, amata parrocchiana vittima del Covid

La donna era molto attiva in Maria Madre della Chiesa come lettrice, nel Gruppo terza età parrocchiale e nell'organizzazione delle feste patronali

Addio a Rosy Quartini, amata parrocchiana vittima del Covid
Legnano e Altomilanese, 18 Novembre 2020 ore 09:00

Addio a Rosy Quartini: la donna era molto impegnata nella Parrocchia di Maria Madre della Chiesa di Nerviano.

Addio a Rosy Quartini

Si era dedicata completamente alla Parrocchia di Maria Madre della Chiesa: era una delle lettrici, membro del Gruppo terza età parrocchiale e sempre in prima fila nell’organizzazione delle feste. Lei era Rosa Quartini, Rosy come la chiamavano tutti. A portarsela via è stata il Covid. Aveva 75 anni e lascia il marito Giancarlo e il figlio Ruggero.
Classe 1941 (coscritta proprio di don Emilio Colombo che la parrocchia di Maria Madre l’ha fondata, e del quale tutta la famiglia era grande amica), Rosy aveva lavorato in una ditta metalmeccanica come responsabile dell’ufficio acquisti (prima a Milano e poi a Caronno Pertusella) fino alla meritata pensione.
Donna di grande fede (già prima della creazione della nuova parrocchia, lei e la sua famiglia la si vedevano alle Messe sotto i portici delle Gescal), è stata una figura importante per la parrocchia di Maria Madre, essendo molto impegnata in varie attività: era una lettrice durante le cerimonie in chiesa, era attivissima poi nel Gruppo terza età che si occupava di catechesi e preghiera; ed era poi sempre lei ad occuparsi delle vendita dei giornali in chiesa così come nella vendita delle torte e nell’organizzazione delle feste patronali e parrocchiali. E, inoltre, aveva fatto parte anche del Consiglio pastorale.
Rosy aveva scoperto la positività al Covid prima di un intervento chirurgico a fine ottobre. Poi i primi sintomi: febbriciattola, un po’ di tosse, poi le sue condizioni si sono aggravate.

TORNA ALL’HOMEPAGE PER LE ALTRE NOTIZIE

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia