Cronaca

Abbattuta la vecchia quercia: motoseghe in azione a Tradate

Lunedì la pianta che adornava i giardinetti di villa Truffini è stata rasa al suolo. Sarà sostituita con una magnolia

Abbattuta la vecchia quercia: motoseghe in azione a Tradate
Cronaca 23 Ottobre 2017 ore 21:30

 Abbattuta la vecchia quercia della piazzetta rosa

Questa mattina le motoseghe sono entrate in azione in corso Bernacchi e in poche ore hanno raso al suolo l’albero che adornava la piazzetta di via Cavour, in pieno centro. Un albero che faceva parte del grande parco di proprietà Truffini, in gran parte cancellato negli anni Novanta per far posto al complesso residenziale. Di quell’angolo storico è rimasta la villa comunale ristrutturata e oggi sede di manifesti ed eventi culturali e alcune essenze arboree che ancora adornano i giardinetti di via Cavour- Bernacchi.

Strada chiusa per abbattere la vecchia quercia

L’intervento era programmato da tempo. Per consentire ai giardinieri e ai mezzi di operare in sicurezza è stato chiuso parte di corso Bernacchi già dalle prime ore di lunedì mattina. Il traffico è stato deviato su via 25 Aprile. Il tutto si è svolto senza grossi disagi e difficoltà per la cicolazione. Al pomeriggio la strada è stata riaperta.

La vecchia quercia era pericolosa

"La vecchia quercia era sana, ma pericolosa", ammette l’assessore all’ambiente Vito Pipolo. A decretarne la pericolosità era stato un agronomo incaricato dal Comune di verificare la stabilità della pianta. "Anche alle prove di trazione è risultata pericolante – continua l’assessore – Purtroppo le radici non riuscivano più a sorreggerla e ad ancorare al suolo l’alto fusto che svettava ormai oltre i tetti del condominio. Non è crollata perché protetta dai muri vicini, ma non potevamo più rischiare che a fronte di forte folate di vento o di acquazzoni torrenziali potesse crollare mettendo a  repentaglio l’incolumità di passanti e residenti. Quindi a malincuore  abbiamo dovuto abbatterla". Ma Pipolo rassicura: "Non sarà imminente, ma verrà sostituita con una magnolia perché possa negli anni ombreggiare i giardinetti come quella secolare davanti a villa Truffini".

Dalla vecchia quercia ai tigli malati

Il verde urbano sta particolarmente a cuore all’Amministrazione Galli. "Abbiamo pianificato una serie di interventi per risistemare col tempo aiuole, parchi e viali alberati", spiega l’assessore Pipolo. Il primo riguarderà viale Marconi, il cui parziale taglio (solo su un lato) iniziato dalla precedente amministrazione era stato oggetto di forti critiche. "Procederemo a potare tutti i tigli, anche quelli già potatati per dare linearità al viale. Poi passeremo al taglio di quei 28 tigli che l’agronomo ha ritenuto pericolosi perché malati".