Menu
Cerca

A scuola di prevenzione: screening odontoiatrico per i bimbi di Lainate

Lo stesso servizio sarà effettuato anche alle elementari di Pregnana Milanese, il 28 e 29 maggio

Rhodense, 04 Aprile 2019 ore 14:00

 

I bambini di seconda elementare delle scuole Litta e Lamarmora di Lainate sono stati protagonisti di uno screening odontoiatrico. Un modo per fare educazione all'igiene orale e per insegnare a fare prevenzione fin da piccoli. Lo studio odontoiatrico SDC di Pregnana Milanese insieme ai Lions di Lainate effettuano questo service ormai da 7 anni. Dopo Lainate, il 28-29 maggio lo stesso tipo di screening sarà effettuato anche nelle scuole di Pregnana Milanese.
Vediamo cosa è emerso nelle scuole di Lainate.

Screening odontoiatrico per 125 bambini

I bambini visitati nelle scuole Litta e Lamarmora di Lainate sono stati 125. "Per la prima volta dopo sette anni, tutti hanno aderito. Questo è forse il dato più gratificante, poiché significa che finalmente la totalità dei genitori ci ha dato fiducia. Anche quelli che hanno i figli già in cura hanno scelto di avere un parere in più" spiega il dott. Pietro Cacciamani, titolare dello studio odontoiatrico SDC. "Lo screening è stato effettuato da due odontoiatri, due assistenti e una igienista laureata facenti parte tutti del mio staff SDC Odontoiatra".

Perché è importante uno screening odontoiatrico nei bambini

Durante l'età di permuta dentale i ragazzi possono presentare diverse patologie. Si va dalle carie dei denti decidui a quelle dei denti permanenti. Inoltre è possibile valutare le malocclusioni che sono l’inizio di un futuro odontoiatrico tempestato di problematiche diverse, che vanno dalla semplice gengivite alla parodontopatia cronica fino alla perdita di elementi dentali. Non dimentichiamoci inoltre che l’igiene orale e la prevenzione dentale vanno a braccetto, per questo motivo l’educazione dentale fin da piccoli è indicata.

screening odontoiatrico

I risultati dello screening odontoiatrico: le carie

"Abbiamo riscontrato carie nei denti permanenti in soli 5 casi. Attenzione però: questo non è un dato positivo in quanto a questa età i primi molari e incisivi permanenti sono comparsi da poco" spiega l'odontoiatra Cacciamani. Molti di più erano invece i denti da latte cariati: 25 casi. E il medico commenta: "Lo smalto dei decidui a questa età comincia a essere poco compatto in quanto siamo nella fase iniziale della permuta. Questo dato va però di pari passo con la mancanza totale di prevenzione. Ben 34 ragazzi non sono mai stati dal dentista. Purtroppo sono ancora in molti a pensare che la prevenzione odontoiatrica sia costosa e quindi non viene perseguita. Questo porta ad andare dal dentista solo quando il problema è ormai importante, quando c'è dolore e si rischia di dover devitalizzare il dente, che a questa età è quasi un'amputazione".

Igiene orale, manca l'educazione

Il dott. Cacciamani e il suo staff hanno chiesto inoltre ai ragazzi quante volte si lavano i denti al giorno. La maggior parte - 95 studenti - due volte, una piccola parte - 20 ragazzi - tre volte al giorno e 1 solo bambino non li lava mai. "Considerando che a scuola non possono lavarsi i denti, è normale che la maggior parte li lavi due volte al giorno. C’è però una mancanza di educazione sanitaria.
Infatti spessissimo i ragazzi si alzano al mattino e si lavano i denti, poi vanno a fare colazione e tengono i denti sporchi per tutto il giorno, aggiungendo alla colazione anche il pranzo del mezzogiorno. Questa è una delle cause principali dell’alta percentuale di carie sia dei denti decidui che dei denti permanenti" spiega il medico.

screening odontoiatrico

82 bimbi su 125 soffrono di malocclusioni

Questo dato è forse il più preoccupante, poiché senza questo screening odontoiatrico molti bambini non avrebbero saputo di avere una malocclusione. Questo termine indica un combaciamento delle arcate dentali non corretto e si tratta di un problema subdolo in quanto non crea dolore nell’immediato, ma può comportare problematiche importanti che coinvolgono anche testa, collo, schiena. Il momento per valutare e correggere le malocclusioni è proprio tra i sei anni e i dodici anni, cioè quando iniziano a erompere i primi denti permanenti. "Abbiamo riscontrato che circa il 18% dei bambini di Lainate è già in cura ortodontica ma che un altro 20% ne avrebbe bisogno. In totale le malocclusioni riscontrate sono state ben 82 e su 125 ragazzi" mette in guardia Cacciamani.

Prevenzione e obiettivo "Carie Zero"

La collaborazione tra scuola, Lions e SDC Odontoiatria ha portato a fare qualcosa di concreto per la prevenzione in campo odontoiatrico. L'importanza della prevenzione purtroppo non è sempre recepita. Il risultato è che i bambini di Lainate hanno carie dei denti decidui e/o permanenti valutati con una casistica importante, il 25%, cioè uno su quattro. Siamo ancora lontani dal raggiungere l'obiettivo che ha posto l'OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) di Carie 0 (zero) alle elementari.
"Grazie a questo screening odontoiatrico vogliamo regalare una collaborazione stretta con i genitori, per non arrivare ad avere problematiche difficili da sostenere, non solo economicamente" spiega Cacciamani. "Oltre a fornire delle informazioni ai genitori sulla salute dei propri ragazzi, ricaviamo dati generici che ci aiutano a capire il comportamento della popolazione del nostro territorio e a indirizzare meglio le nostre azioni".
Per chi desidera maggiori informazioni, è possibile visitare il sito www.cacciamani.org. Il dott. Cacciamani e il suo staff rispondono al numero 02.93291209.