corteo funebre

A Bergamo non c’è più posto: l'esercito in città per trasportare 60 bare alla cremazione VIDEO

Ieri sera i mezzi dell'Esercito sono stati notati in via Borgo Palazzo: stavano trasportando le salme di chi non ce l'ha fatta.

Cronaca 19 Marzo 2020 ore 10:25

In un momento in cui non si può dire nemmeno addio degnamente a un proprio caro, le immagini che arrivano da Bergamo, di una colonna di mezzi dell’Esercito che sfila in città, sono ancora più strazianti. Un vero e proprio corteo funebre immerso nel silenzio di una città rimasta come sospesa. Sui carri, 60 bare, che sono state prelevate dal cimitero Monumentale di Bergamo per essere trasportate fuori città, e in alcuni casi, fuori regione, per la cremazione: A Bergamo non c’è più posto!

A Bergamo non c’è più posto

Il forno crematorio del capoluogo, in funzione 24 ore su 24 non può smaltire più di 25 salme al giorno. E in questi giorni, purtroppo, il numero di decessi è molto più alto. Succede così che oltre a non poter vedere il proprio caro per un ultima volta, oltre a non potergli dire addio né in vita  e nemmeno nella morte, ora a Bergamo non si possa più nemmeno attendere la cremazione del proprio parente defunto.

Una trentina di salme sono state portate a Modena, le altre saranno invece portate ad Acqui Terme, Domodossola, Parma, Piacenza e diverse altre città.

TORNA ALLA HOME