Legnano

102 candeline per Luigia Restelli

Madrina di guerra durante il secondo conflitto mondiale, conobbe il marito scrivendogli al fronte.

102 candeline per Luigia Restelli
Cronaca 01 Marzo 2020 ore 15:54

102 candeline per Luigia Restelli, residente a Legnano.

102 candeline, Fondazione Sant'Erasmo in festa

Un altro super compleanno nella città del Carroccio. E' quello di Luigia Restelli, che tutti chiamano Luisa, ospite della Fondazione Sant'Erasmo. E proprio nella rsa di corso Sempione la donna è stata festeggiata dai suoi famigliari. A raccontare la sua lunga vita, sul numero di Settegiorni Legnano-Alto Milanese in edicola da venerdì 18 febbraio 2020 è la figlia Marilisa. Dalla nascita il 25 febbraio 1918 a Turate, in provincia di Como, al lavoro nel cotonificio locale, al suo ruolo di "madrina di guerra" durante il secondo conflitto mondiale (una giovane donna che confortava, con lettere e cartoline, i soldati e gli ufficiali al fronte: spesso, scambi inizialmente formali sfociavano in un rapporto di amicizia duratura, d’amore o anche nel matrimonio; e così accadde anche a Luisa, che così conobbe quello che sarebbe diventato suo marito). Dalle nozze con Luigi Abbiati, al trasferimento a Milano, alla maternità e all'arrivo a Legnano per seguire la figlia che ha sposato un legnanese. Fino al "segreto" che le ha consentito di tagliare il traguardo del secolo di vita e oltre.

Il servizio completo su Settegiorni Legnano-Alto Milanese in edicola da venerdì 28 febbraio o sulla nostra edizione sfogliabile

 

TORNA ALLA HOME PAGE E LEGGI TUTTE LE NOTIZIE