Attualità
legnano

“Viaggio fra forme e colori”: la mostra al Castello visconteo

Gli itinerari artistici di Santo Nania e Carmelo Todoverto nelle sale del Castello

“Viaggio fra forme e colori”: la mostra al Castello visconteo
Attualità Legnano e Altomilanese, 10 Settembre 2022 ore 12:49

“Viaggio fra forme e colori”: la mostra al Castello visconteo di Legnano

“Viaggio fra forme e colori”: la mostra al Castello visconteo

“Viaggio fra forme e colori”, la mostra che si inaugura sabato 10 settembre alle 17 al Castello visconteo, è anche e soprattutto un viaggio fra due visioni artistiche che offre al pubblico “l’occasione per apprezzare differenti modalità espressive nell’attualità delle manifestazioni delle arti visive”. Così il curatore Dario Ferrè presenta Santo Nania e Carmelo Todoverto, i due autori con cui, dopo la pausa estiva, il Castello visconteo riapre le sue sale alle esposizioni.

«Riprendiamo il ciclo degli appuntamenti “Visioni viscontee” con due artisti del territorio molto conosciuti e con pochi punti di contatto fra loro –commenta Guido Bragato, assessore alla Cultura. Pensiamo possa essere stimolante accostare due linguaggi tanto diversi per stili, materiali utilizzati e riferimenti artistici. Nania e Todoverto, infatti, pur vantando un’attività ormai pluridecennale e nota al pubblico, possono, a nostro avviso, rivelare aspetti del loro fare arte proprio affiancando alle loro opere quelle di un “collega” tanto dissimile».

Santo Nania, siciliano per nascita ma da molti anni legnanese, dopo una fase iniziale dedita alla pittura figurativa (non presente in questa mostra), ha adottato un linguaggio informale che è tuttora quello in cui si esprime. I riferimenti decisivi per lui sono stati Afro Basadella ed Emilio Vedova; del primo lo hanno ispirato l’armonia e la poesia del colore, del secondo il segno che risalta con la forza del gesto. Le tele di Nania portano l’osservatore a superare l’evidenza della visione spingendolo nella sfera delle emozioni. Proprio questa appare la sua volontà: provocare emozioni –mai trasmettendo le proprie- rese evidenti dal colore forte e stimolate da un segno vigoroso. Particolarità di Nania è quella di non titolare mai le sue opere, scelta che equivarrebbe a imporre la propria interpretazione del dipinto; interpretazione che, invece, vuole provocare nel fruitore e lasciando campo libero alla sua emotività.
Carmelo Todoverto, nato a Busto Arsizio, è un artista poliedrico che spazia dalla pittura alla scultura, dal figurativo all’informale, fino all’installazione. Se il filo conduttore della sua intera produzione è l’essere umano, un ruolo preminente vi gioca, sempre, il colore. Non fa eccezione la prima sala della mostra dedicata ai suoi lavori, dove saranno esposte opere di colore bianco e di colore nero, poiché anche qui –come insegna la fisica- vi è il colore, dato che il nero assorbe tutti i colori e il bianco li riflette tutti. Nella produzione di Todoverto, che nel 1982 è stato tra i firmatari del “Manifesto Tecnico dell’Ipercromatismo”, è via via mutata la forma che appare nelle sue opere, non certamente l’essenza, che è data sempre dal colore e dall’oggetto della sua riflessione, l’essere umano.

Complessivamente, in mostra, saranno una quarantina le tele di Nania; 26 saranno quelle di Todoverto cui si aggiungono tre installazioni. A corollario della mostra, al fine di non offrire con questa semplicemente un’occasione per fruire delle opere, ma con l’intento di stimolare apprendimento e pratica dell’attività pittorica, saranno organizzati alcuni momenti con i due artisti: le lezioni di Nania sullo studio del colore e i
aboratori di Todoverto.
Più nel dettaglio, le lezioni teoriche di Santo Nania “Studio del colore” sono rivolte ai ragazzi delle scuole superiori e agli adulti e indagheranno la definizione del colore, dei pigmenti, i vari tipi di colore (primari, secondari, terziari e complementari), gli accordi di colori e l’importanza della conoscenza dei colori per cominciare un percorso di pittura. Dopo l’introduzione teorica all’argomento si passerà alla pratica. Le lezioni, della durata di 3 ore, si terranno nelle sale espositive al primo piano sabato 24 settembre e 1° ottobre dalle 15 alle 18.
Quanto ai laboratori di pittura tenuti da Carmelo Todoverto, dal titolo “Dipingi le tue emozioni in mostra”, questi sono rivolti ai ragazzi dagli 7 anni ai 12 anni. Rapportandosi alla giovane età dei discenti, Todoverto seguirà un percorso di avvicinamento alla pittura attraverso il racconto delle emozioni. I partecipanti, dopo la visita alle opere esposte in mostra, saranno guidati a raccontare  le loro emozioni con l’uso di pennarelli su gagliardetti in tela, realizzati a mano dall’artista stesso. I ragazzi dovranno portare con sé i pennarelli e, al termine della lezione, potranno portare a casa il gagliardetto realizzato in mostra. I laboratori, della durata di 2 ore, si svolgeranno nel salone al primo piano della Pinacoteca del Castello di Legnano domenica 18 e 25 settembre e domenica 2 ottobre dalle 10.00 alle 12.00.
La partecipazione, gratuita, è solo su prenotazione telefonando allo 0331/471575/576/578 o scrivendo all’indirizzo e-mail ufficio.cultura@legnano.org
Fra gli appuntamenti collaterali figurano anche due visite guidate che saranno tenute dal curatore della mostra Dario Ferrè alla presenza dei due artisti, la cui data è ancora da definire.
La mostra, a ingresso libero, sarà aperta il sabato e la domenica dalle 10 alle 12.30 e dalle 15 alle 19 sino al 2 ottobre.

Sala Nania
Foto 1 di 2
Sala Todoverto
Foto 2 di 2
Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter