Attualità
Dal Comando di Castano Primo

Un anno in prima linea: il report 2020 della Polizia Locale

Dai controlli del territorio anche durante il Covid alle attività di prevenzione: ecco tutti i dati della Polizia Locale relativi al 2020.

Un anno in prima linea: il report 2020 della Polizia Locale
Attualità Legnano e Altomilanese, 03 Giugno 2021 ore 17:00

Controlli, corsi e sempre in prima linea: ecco i dati del Comando di Polizia Locale di Castano Primo relativi al 2020.

I dati 2020 della Polizia Locale di Castano Primo

Hanno spiegato dal Comando di piazza Mazzini:

"Nel corso del 2020, caratterizzato soprattutto dal difficile momento che ancora sta vivendo l’intera popolazione, l’azione della Polizia Locale di Castano Primo ha mostrato quanto si è potuto fare, cercando di affrontare con il consueto spirito di adattamento, responsabilità ed equilibrio questa inaspettata sfida, che ha lasciato sicuramente segni indelebili. Una mobilitazione e un impegno che hanno dovuto andare oltre il normale svolgimento del servizio; tutto il personale infatti, ognuno per le sue specifiche competenze, ha dato un contributo che è diventato un valore aggiunto per l’intera Istituzione. In questa occasione, come non mai per numero di persone colpite dall’epidemia sanitaria, il personale di Polizia Locale è stato da un lato l’organo di controllo per il rispetto delle restrittive normative attuate al fine di contenere l’espansione epidemiologica, dall’altro ha cercato ogni giorno di assolvere al normale svolgimento della quotidianità e delle esigenze primarie. In alcuni casi unico vero supporto per quanti si trovavano in difficoltà".

I principali numeri

510 veicoli fermati, di cui 343 solo durante il primo lockdown, 91 persone controllate per atteggiamento sospetto, 30 deferite all’autorità giudiziaria, 53 verbali per violazione delle norme Covid, 56 per altre violazioni e 1.146 multe per infrazioni stradali: questi alcuni dei dati forniti dal Comando di Polizia Locale e relativi alla loro attività svolta nel 2020.

Per quanto riguarda i posti di blocco hanno scritto dal Comando:

"Gli operatori procedevano al controllo itinerante a mezzo dispositivo lettura targhe, denominato Targa Scanner posto sul mezzo di servizio con livree d’istitutosui flussi di traffico transitanti sul territorio di competenza di questo ente, riscontrando anomalie circa la copertura assicurativa, la revisione periodica, l’intestazione fittizia o la radiazione dal Pubblico Registro Automobilistico, procedendoal fermo e controllo, contestando le relative violazioni al CDS riscontrate. Notevole contributo veniva fornito anche dall’uso dei varchi di sicurezza cittadini con lettore targhe che permettevano di individuare vari mezzi irregolari,oltre che tracciare transiti veicolari di soggetti d’interesse investigativo".

L'impegno durante il Covid

Durante la pandemia la Polizia Locale ha controllato 1.267 esercizi commerciali per il rispetto delle prescrizioni Covid, 5.811 sono poi stati i controlli giornalieri delle persone in isolamento domiciliare. Gli agenti hanno portato avanti anche la gestione del portale Ats per le quaranten e la gestione operativa e logistica del personale di Protezione civile assegnato al Servizio di Polizia Locale.

"I Volontari del Gruppo Comunale di Protezione Civile, assicuravano un tempestivo intervento in occasione di calamità ambientali, allagamenti stradali nei sottopassi stradali alle FNM, nonché in occasione di sinistri stradali rilevanti. Ponevano in essere supporto alla Polizia locale ed alla cittadinanza per tutto il periodo pandemico rispondendo prontamente alle necessità della popolazione. Altresì si rendevano disponibili in occasione di trasferimento beni prima necessità, supporto ai digenti, consegna farmaci e beni alimentari alle persone in isolamento da covid-19, sanificazione delle aree pubbliche, delle stradi e delle Residenze Sanitarie Anziani, distribuzione mascherine,interventi per asportazione calabroni da aree pubbliche e private".

Attività di prevenzione

Tante le attività di prevenzione, come l’educazione ambientale nel primo bimestre all’Istituto Falcone e Borsellino.

"Il progetto iniziato ad ottobre 2019con cadenza quindicinale attraverso il gioco aveva come obiettivo finale quello di trasmettere la cultura del recupero di questi materiali che spesso vengono buttati via. Si lavorava sulla consapevolezza che anche loro possono fare la differenza per aiutarci a ridurre la produzione di quantitativo di rifiuti domestici. Come in questo caso la Polizia Locale parte ancora una volta dai più giovani per avere attenzione alle delicate tematiche ambientali e al rispetto delle regole da parte dei futuri cittadini".

Oltre a ciò sono state portate aventi le attività formative degli stessi agenti e per i cittadini, come il corso di difesa femminile con 44 iscritte e quello di tiro sportivo che ha contato 30 iscrizioni.

Seguici sui nostri canali