Attualità
Verso le nozze di titanio

Un amore che dura da 67 anni: Liliana e Guido

I due bollatesi hanno appena festeggiato il super anniversario di matrimonio.

Un amore che dura da 67 anni: Liliana e Guido
Attualità Bollatese, 26 Giugno 2022 ore 12:00

Un amore che dura da 67 anni: Liliana e Guido. I due bollatesi hanno appena festeggiato il super anniversario di matrimonio.

Ben 67 anni dal giorno delle nozze

Libertà, tolleranza, sensibilità. Sono questi alcuni degli aspetti fondamentali che hanno fatto sì che il matrimonio di Liliana Orioli e Guido Gallerani arrivasse a 67 anni. Lei ha 87 anni e lui 88. Inseparabili da quando non erano ancora maggiorenni.

Originari di Ferrara

Originari di Portomaggiore (Ferrara) e nati in famiglie contadine che si occupavano dei campi di canapa, essenziale per la realizzazione di lenzuola, Liliana e Guido si sono conosciuti nella piazzetta del paese appena quindicenni. "Ai nostri tempi c’era chi rimaneva incinta e quindi si sposava di fretta e furia - ha raccontato Liliana - Ebbene, noi abbiamo fatto esattamente il contrario. Ci siamo sposati con un bimbo di sette mesi". E non in chiesa: "Una nostra amica si è sposata poco tempo prima di noi, anche lei aveva già un figlio. Siamo andati alla cerimonia e ci ha colpito tanto il parroco che durante la predica ha affermato che avevano trasgredito alle leggi cristiane - hanno spiegato i due coniugi - Così ci siamo guardati e abbiamo deciso di sposarci in Comune. In alcun modo nessuno doveva farci sentire in colpa perché avevamo dato alla luce un bambino".

Il matrimonio nel 1955

Nel 1955 hanno organizzato un matrimonio semplice, in compagnia del piccolo Mauro, dei testimoni e parenti più stretti. "In quanti saremmo stati? Forse una decina - hanno detto Liliana e Guido, contando sulle dita delle mani gli invitati di nozze - Abbiamo preparato la cioccolata in tazza e i tortellini in brodo. Siamo stati bene".

Il trasferimento a Bollate

A quel tempo Guido lavorava ancora nei campi, mentre Liliana in un supermercato. Nel ‘58, il primo a trasferirsi a Milano è stato proprio Guido: poco dopo lo ha raggiunto il resto della famiglia. I Gallerani, quindi, diventano i custodi di una ditta di Baranzate. "E’ a quel punto che abbiamo deciso di dedicarci alla politica - ha raccontato Liliana - Ci siamo iscritti al Partito Comunista, Guido ha collaborato con la Cgil e io sono diventata presidente del consiglio di quartiere".  Poi, l’idea di aprire un chiosco: "C’era un giardino frequentato da persone poco raccomandabili e così abbiamo deciso di aprire un piccolo luogo di ritrovo. Inizialmente pensavamo di vendere gelati. Poi, invece, ci è venuta un’illuminazione: “Apriamo una paninoteca”".
Locali come quelli non esistevano: "Avevamo panini con lo speck, introvabile e costosissimo in quel periodo, con la spianata calabra, prosciutto di cinghiale. Venivano da molto lontano per mangiare lì". Così, nel 1980, era già nato il secondo figlio, Paolo, e hanno aperto un locale vero e proprio in via Ambrogio da Bollate: "Lo abbiamo tenuto per 13 anni - hanno raccontato - Lavoravamo tutti e quattro lì, abbiamo ricordi meravigliosi di quel periodo".

Una vita insieme

Una vita intensa la loro, fatta di difficoltà ma tanto amore. "C’erano dei periodi in cui facevamo fatica ad arrivare a fine mese - hanno raccontato - Ma a noi sembrava che non ci mancasse niente. Eravamo felici".
Guido di sua moglie ha sempre amato lo spirito emancipato: "Lei è sempre stata avanti coi tempi, era una delle poche donne che non stava sempre a casa. Usciva, si impegnava nel sociale". Una libertà che non tutte le donne avevano: "Il segreto per un matrimonio così longevo? - ha detto Liliana - La tolleranza. Avere la sensibilità che ogni tanto si può avere la giornata no. Discutere sì, ma poi fare pace poco dopo".

L'anniversario domenica scorsa

Domenica, nella villetta di via Origona, erano in più di sessanta persone a festeggiare il loro anniversario di matrimonio: "Dovevamo celebrare i 65 anni delle nozze nel 2020, ma a causa del Covid-19 abbiamo dovuto rimandare. Domenica abbiamo invitato parenti e amici, è arrivato anche il sindaco Francesco Vassallo e siamo stati bene. Così, abbiamo festeggiato i nostri 65 più 2 anni di matrimonio - ha detto Liliana - Una vita felice la nostra, che rivivrei senza alcun dubbio" .

L'ARTICOLO E' PRESENTE NELL'EDIZIONE DEL 24 GIUGNO DI SETTEGIORNI

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter