Attualità
La giornata speciale

Trecento studenti in marcia per la legalità

La manifestazione di Vittuone, ha inaugurato la “Settimana della Legalità” dei “Centri di Promozione della Legalità”.

Trecento studenti in marcia per la legalità
Attualità Magenta e Abbiategrasso, 23 Maggio 2022 ore 12:05

Gli studenti dell’Istituto secondario di primo grado “Enrico Fermi” e quelli dell’Istituto di istruzione superiore “Alessandrini-Mainardi” hanno dato vita, nella mattinata oggi, di lunedì 23 maggio, ad una “Marcia della Legalità”, nel giorno della commemorazione della strage di Capaci, l’attentato mafioso nel quale, il 23 maggio del 1992, persero la vita il giudice Giovanni Falcone, sua moglie Francesca Morvillo, anche lei magistrato, e tre degli agenti della scorta: Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro. La terrificante esplosione causò anche 23 feriti.

La marcia lungo le strade della città

La manifestazione ha inaugurato la “Settimana della Legalità” dei “Centri di Promozione della Legalità”, dei quali fanno parte sia l’Istituto comprensivo statale “Dante Alighieri”, cui fa capo l’Istituto “Enrico Fermi”, che l’IIS “Alessandrini-Mainardi”.

La marcia è partita alle 10, dall’IIS “Alessandrini-Mainardi”, in via Zara, per raggiungere poi via Piave, sede dell’Istituto “Enrico Fermi”, e percorso numerose vie cittadine per arrivare, attorno alle 10,30 in piazza Italia, davanti al Municipio. Qui gli studenti sono stati accolti dalle autorità comunali.

5 foto Sfoglia la gallery

Un'installazione in piazza preparata dai ragazzi

Sempre in piazza Italia è stato possibile vedere l’installazione “Uomini Vivi”, che è stata preparata dagli studenti dell’IIS “Alessandrini-Mainardi”.

“L’installazione - sottolineano il sindaco Laura Bonfadini e l’assessore all’Istruzione Elena Comerio - costituirà la tangibile testimonianza del ricordo di queste persone che hanno sacrificato la vita per combattere il crimine organizzato e fungerà da importante esempio di impegno civico per sconfiggere l’odioso cancro dell’organizzazione mafiosa”.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter