Attualità
Magenta

Taglio del nastro per la Bottega della Solidarietà

La bottega targata Cuori Grandi rimarrà aperta sino al 24 dicembre per la vendita di piccoli prodotti artigianali, il ricavato andrà a sostegno della missione in Togo

Taglio del nastro per la Bottega della Solidarietà
Attualità Magenta e Abbiategrasso, 06 Dicembre 2022 ore 09:11

Grande inaugurazione per la Bottega della Solidarietà targata Cuori Grandi per sostenere la missione in Togo. Ogni anno dal 2005, quando arriva Natale, per una ventina di giorni, l'associazione di Magenta apre le porte di un locale nel centro per la vendita straordinaria di prodotti dell’artigianato togolese e manufatti italiani. Il ricavato va interamente a finanziare le opere sociali della missione di Amakpapé.

Taglio del nastro per la Bottega della Solidarietà

Quest’anno, grazie ad Alessandra  e Mario Rossoni, la bottega di Cuori Grandi  ha acceso le luci in via Garibaldi 70. Da sabato 3 dicembre, giorno del taglio del nastro, la bottega rimarrà aperta fino al 24 dicembre. A condurre la partecipata inaugurazione il presidente dell’associazione Francesco Bigogno, presenti amici e sostenitori. Il Comune era rappresentato dagli assessori Mariarosa Cuciniello e Stefania Bonfiglio. L’arte, nello specifico musicale, era espressa dai brani dallo stile lieve ma dal potente sentimento del musicista, autore Walter Bassani  e dalla voce del soprano Sara Galli, cantante che ha interpretato la lirica nei teatri di tutto il mondo. Il duo ha presentato una manciata di motivi.

La scaletta musicale ha visto diversi brani eseguiti, da «Amor perduto» una composizione dedicata alla moglie mancata qualche anno, a «Famiglia Umanità», destinata ai missionari, da «Ave Maria» fino alla dialettale «Giò al Niviri» dove sono stati scoperchiati termini come «linsò», «cavagna», «ciciarà», «disnà». Finale con brindisi. L’inaugurazione della bottega è stata anche l’occasione per lanciare la serata «Natale con il Cuore Grande»  del 16 dicembre alle 21  in Casa Giacobbe.

Le parole del presidente Bigogno

«Da tanti anni la tradizione era espressa dal concerto al teatro Lirico - ha sottolineato Bigogno - Ebbene, quest’anno cambiamo  impostazione e illustreremo la missione con immagini delle costruzioni realizzate e i progetti futuri». Secondo il presidente, è fondamentale per chi aiuta e collabora conoscere i motivi di determinati indirizzi presi dalla missione. «Ma non voglio proiettare solo un film e nemmeno fare un mio monologo, pertanto saranno presenti Bassani e Galli che ci allieteranno con le canzoni di Natale».

Seguici sui nostri canali