Attualità
L'ultimo saluto

Si svolgeranno oggi pomeriggio i funerali di Luciano Fontana

Scomparso lo scorso 10 marzo, Fontana era un'anima della Cisl da moltissimi anni.

Si svolgeranno oggi pomeriggio i funerali di Luciano Fontana
Attualità Legnano e Altomilanese, 15 Marzo 2022 ore 10:13

Questo pomeriggio, 15 marzo 2022, alle 15.30, si svolgeranno a Nerviano i funerali di Luciano Fontana scomparso all’improvviso giovedì 10 marzo.

La scomparsa improvvisa di Fontana

E' deceduto all'improvviso in treno, mentre tornava a casa dopo aver partecipato ad una iniziativa del coordinamento donne della FNP, nella sede di via Tadino a Milano, e aver cantato nel coro della CISL. Luciano Fontana è una parte della storia della CISL di Milano, difficile pensare alla confederazione di via Tadino e alla FNP senza la sua presenza, preziosa e gentile. Luciano era nato a Cuggiono, impegnato in parrocchia, fa parte di quel gruppo di giovani educati al sociale da un prete, Don Cesare Villa, ispiratore di non pochi sindacalisti della CISL. Diventa operatore della FILTA, la categoria del tessile - abbigliamento, allora guidata a Milano da grandi sindacalisti come Maresco Ballini, allievo di Don Milani, e poi Pieraldo Isolani e l’allora segretario generale, il legnanese Vittorio Meraviglia.

Nei primi anni ‘80, dopo la nascita dei comprensori, diventa responsabile dell’Ufficio Vertenze della CISL Ticino Olona, operando a Legnano e a Busto Arsizio. Dopo aver mantenuto quell’incarico per qualche anno, viene richiamato a Milano e comincia, da operatore, la sua lunga storia nella FNP che poi prosegue da segretario organizzativo. Collabora con i segretari generali di allora: Tino Fumagalli e Luigia Alberti.

Una grande perdita per tutto il movimento sindacale

Pronunciare il nome Fontana significava, per il sindacato dei pensionati, organizzazione, proselitismo, formazione, amministrazione, contrattazione… Ma significava anche puntualità, precisione, impegno costante, non mollare mai. Per un lungo periodo la FNP, nella sua pratica, si è identificata nella sua persona grazie alla presenza e al contatto quotidiano con i volontari e i collaboratori. Sempre tra i primi a varcare il portone di via Tadino (e spesso tra gli ultimi ad uscirne) nel luglio del 2000 nota una strana fioriera dalla quale escono dei fili elettrici. Chiama la questura. Si trattava di una bomba e, grazie al suo tempestivo intervento, si evita uno scoppio che poteva avere gravi conseguenze.

Quando termina la sua esperienza di dirigente della FNP per il compimento dei mandati previsti dallo statuto, non cerca altri incarichi, ma mantiene quel profondo legame di amicizia che voleva dire che, all’occorrenza, su di lui ci si poteva sempre contare. Negli ultimi anni si era dedicato al coro con il suo amico Biagio La Sala. Aveva una bella voce e la sua assenza, artistica e umana, si sentirà molto anche lì. Il suo nome sarà per sempre legato alla Cisl, alla Fnp, ai ciclisti, alla Presolana, alla Pastorale del lavoro e ad ogni iniziativa sociale nel territorio del legnanese e nella sua città adottiva Nerviano dove, dopo l’esperienza sindacale, era diventato Presidente dell’Unione Sportiva locale. Non poteva essere che la Cisl di via Tadino l’ultimo posto dove dare il suo contributo di gentilezza.

Luciano, se non parlava di Cisl, parlava della sua famiglia, della moglie Giuditta, del figlio Enrico e delle tre
splendide nipoti. A loro il nostro abbraccio e sentite condoglianze da tutta la Fnp di Milano Metropoli.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter