attenzione

Popilla Japonica: i danni e come combatterla

Come per la maggior parte dei parassiti, ci sono varie strade da poter percorrere

Popilla Japonica: i danni e come combatterla
Attualità Rhodense, 07 Luglio 2021 ore 13:51

La Popilla Japonica è un parassita dannoso: i danni e come combatterla.

Popilla Japonica: i danni e come combatterla

La Popillia Japonica è un piccolo coleottero di colore verde proveniente dal Giappone, e famoso soprattutto negli Stati Uniti per le problematiche che porta a colture di ogni genere. Individuata a partire dall’anno 2014 si è rapidamente espansa nei nostri territori.
Il ciclo vitale di questo coleottero, nelle condizioni climatiche italiane, è di un anno, con l’uscita in stadio adulto nei periodi compresi fra Maggio e Luglio, a seconda della latitudine. Le uova si schiudono in circa 2 settimane ed ogni adulto può deporne fino a 40/60 uova per ciclo vitale (1/3 per deposizione).

Insetto dannoso

Il problema principale di questo parassita è la sua dannosità sia nello stadio di larva, sia nello stadio adulto.
In fase larvale la Popillia Japonica si nutre prevalentemente di radici di piante erbose, causando ingentissimi danni alle colture erbacee e soprattutto a prati e tappeti erbosi. Senza radici infatti il prato perde la capacità di assorbimento dell’acqua, andando via via quindi seccandosi all’avvicinarsi della stagione calda.
In fase adulta invece cominciano i problemi per l’agricoltura: Questo coleottero si nutre di una moltitudine di foglie, frutti e fiori di una miriade di specie diverse, pascolando in gruppo e andando quindi a divorare letteralmente in poco tempo la pianta ospite. Il tipico comportamento di gruppo è dato dai feromoni di aggregazione secreti dagli insetti, oltre che dalle emissioni odorose del fogliame appena divorato.
Possiamo accorgerci della presenza di questi coleotteri controllando come è stata mangiata la foglia, possiamo notare in questo caso come viene mangiato il tessuto fogliare e non le nervature, dando quindi un aspetto scheletrico alla foglia preda della Popillia Japonica. La presenza delle larve invece può essere verificata andando a sezionare il manto erboso, e controllando fisicamente l’effettiva infestazione del terreno.

Come possiamo quindi agire, una volta verificata la presenza del parassita?

Come per la maggior parte dei parassiti, ci sono varie strade da poter percorrere: insetticida per le forme adulte, la maggior parte dei piretroidi risulta efficace nell’eliminare la Popillia, tra cui Tetrametrina, Deltametrina, Tau-fluvalinate (più sicuro per le api) oppure acetamiprid Per le forme larvali invece vengono utilizzati geodisinfestanti a base di Imidacloprid o Fipronil.